Cena a base di ballate contadine e stornelli da osteria

Mediagallery

Sabato 21 marzo festeggiamo il primo giorno di primavera da Ethos Natural Cafè Bistrot, via Magenta 74, angolo Corso Amedeo, con una cena a base di piatti popolari e ballate contadine, serenate d’amore, stornelli da osteria e filastrocche rivoltose.

S’inizia alle ore 20.00 con la cena. I piatti che saranno proposti fanno parte della tradizione della cucina popolare livornese e toscana: vino bianco e rosso schietto del contadino; antipastino rustico con crostini vegan, ma anche salumi e formaggi; minestra di pesce alla Livornese; bordatino; Inno di Garibaldi; polpettine di verdure saporite con cavolo strascicato; caffè.
Alle ore 22.00 il concerto con le De Soda Sisters + Alessandro Ottaviani.

“Riproporre oggi brani di musica popolare toscana e contadina – dice Alessandro Ottaviani – è far rivivere un modo di esprimersi di una civiltà che non c’è più, la civiltà contadina si intende. Perché questa musica non diventi musica museale ma musica godibile da un vasto pubblico è necessario attualizzarla e contaminarla come hanno ben fatto le Soda Sisters. Non è difficile all’ascolto di questi pezzi riconoscere echi di rumba, di swing di morna… Se mi chiedessero che cos’è musica popolare oggi sarebbe difficile dare una risposta. Di certo non è possibile rispondere che è la musica pop perché il pop è ricerca consapevole del massimo profitto con il minimo delle idee. Mi verrebbero in mente invece certi brani che vengono dal repertorio cantautorale italiano nei quali l’autore, pur essendo noto è diventato quasi secondario tanto i pezzi sono famosi. Se penso a brani come “ho visto un re” o “vengo anch’io” o “il pescatore” non ho neanche bisogno di citare l’autore. Tutti, anche le persone meno colte musicalmente conoscono almeno un verso, una strofa, una rima. Quando un brano raggiunge questo livello diventa patrimonio comune, vive di vita propria al di là dell’autore che le ha prodotte”.

Per prenotazioni 0586 211701 – 347 128 5649

Il tutto a 25 euro, suonatori inclusi

 

Riproduzione riservata ©