Castrum Liburni 1407, e Livorno torna nel Medioevo

Mediagallery

Sabato 18 e domenica 19 luglio, si è svolta in Fortezza Vecchia Castrum Liburni 1407, la prima festa medievale a Livorno (clicca sul link in fondo all’articolo per vedere le immagini all’interno della gallaery scattata da Furio Pozzi).
Fuori dalle mura si poteva visitare un vero accampamento storico, non solo tende, ma anche armi, armature e vari suppellettili, come se un esercito si fosse appostato fuori dalle mura in attesa di portare un attacco.
Appena entrati si potevano ammirare i rapaci dei Falconieri di Massa: gufi civette e falchi, questi ultimi molto apprezzati per la caccia nel periodo medioevale.
Oltrepassata la Quadratura dei Pisani si poteva ammirare un mercato storico, con vari tipi di arti e mestieri.
Subito dopo spiccavano cannoni di varie misure, che Quinto Prisco dell’associazione Montaperti MMC descriveva accuratamente, prima di far esplodere le cariche.
Uno steccato di legno e corda delimitava la lizza nella quale si sono susseguiti combattimenti liberi ma anche un vero torneo di Uomini in Arme (primo Torneo del Buccicaldo) che ha visto la vittoria di Rolando da Pratolongo (al secolo Lorenzo Turini) appartenente proprio al gruppo di casa “La Vergine di Ferro”. Gli altri gruppi che hanno partecipato ai vari combattimenti sono stati: Antichi Popoli Compagnia di Ventura Guardia di Rocca di Firenze, Mercenari d’Aguilar di Massa,
Ordine del Guado di Pavia, Fenice Viscontea di Monza, Compagnia Rosso d’Aquila ed i Falchi di Bosco di Cascina che hanno anche organizzato le dimostrazioni di tiro con l’arco coinvolgendo anche il pubblico facendolo provare. Molto apprezzato anche l’allenamento degli Iron Tower, la squadra che rappresenta la Toscana agli eventi nazionale ed internazionali di Combattimento Medievale.
L’Archeoclub di Livorno ha organizzato due conferenze: “Livorno dall’antichità al 1600”, presentata da Norberto Baù e Acri, ultima roccaforte dei crociati, presentata da Pietro e Francesco Rizzi.
Musica errante e concerto musicale degli Aptatur Musicha, associazione livornese che si occupa di riprodurre musiche medievali con accurate ricostruzioni di strumenti dell’epoca.
Ogni serata è stata conclusa con lo spettacolo di Falco di Fuoco, il più giovane dei Falconieri di Massa che ha stupito tutti con il suo spettacolo di giocoleria col fuoco.

Riproduzione riservata ©