Carabinieri, con Modì il calendario parla livornese

Mediagallery

Parla livornese la nuova edizione del Calendario Storico realizzato come ogni anno dal Comando Generale dei Carabinieri e pubblicato a cura dell’Ente Editoriale per l’Arma, che da diversi anni supera la tiratura di un milione di copie.

Il prestigioso e affermato prodotto editoriale, varato nel 1928 a Firenze su iniziativa del generale di origini toscane Gino Poggesi, è stato presentato stamattina alla stampa in Roma, presso la Scuola Ufficiali, alla presenza del comandante generale Tullio Del Sette e di numerose autorità di governo.

Le tavole del Calendario, che ha quale tema I Carabinieri e le Arti, contengono immagini tratte da dipinti dei più grandi esponenti della pittura moderna, sapientemente modificati inserendo figure e divise di militari dell’Arma.

Ecco così che la tavola chiamata a rappresentare il mese di febbraio, ispirata al Ritratto di Léopold Zborowski eseguito nel 1918 da Amedeo Modigliani, vede sostituirsi al mercante d’arte che del pittore labronico fu mecenate, per l’appunto… un carabiniere in alta uniforme. E nel testo introduttivo firmato dal comandante generale si legge come il nostro Modigliani sia stato scelto fra i tanti per “le sue figure esili e allungate”, che “esaltano tutti i valori umani”.

Altre tavole della pubblicazione sono dedicate ad artisti del calibro di Claude Monet (paginone centrale), Giovanni Boldini (pagina di gennaio), Vincent Van Gogh (aprile) e Salvador Dalí  (agosto).

Un rapporto felice, quello fra quadri che raffigurano la Benemerita e Livorno, celebrato dal volume curato dall’Ente Editoriale che ne mostrava un copioso numero, ove si contano sedici opere di Giovanni Fattori (quasi tutte con militari a cavallo ritratti di spalle), sette di Renato Natali (immagini della Vecchia Livorno con militari avvolti nei mantelli e rappresentanti del popolo cittadino) e una di Mario Borgiotti.

Nella manifestazione che si è svolta questa mattina presso la Scuola Ufficiali è stata pure presentata l’edizione 2016 dell’Agenda Storica dell’Arma, che offre significativi approfondimenti su due temi importanti per l’Italia: Una storia lunga un secolo, in occasione del centenario della Grande Guerra, e I Carabinieri nella Resistenza e nella Guerra di Liberazione, a settant’anni dalla conclusione del secondo conflitto mondiale.

Il Calendario e l’Agenda saranno in distribuzione a partire dalle prossime festività natalizie.

 

Riproduzione riservata ©