Camminata da Parrana al Calvario

Mediagallery

Una camminata attraverso la fitta macchia di Parrana lungo sentieri poco usati dagli escursionisti.  Passeremo sotto i resti dell’antico Acquedotto Leopoldino sovrastati da querce e carpini. Vedremo le cave usate per erigere l’acquedotto e il Cisternone. Ci accompagneranno i bellissimi colori dell’inverno, varie tonalità di marrone e grigio interrotte dal verde di felci, ellebori e ciclamini, dall’edera e dal pungitopo. Scaleremo il poggio del Calvario dal quale la vista potrà spaziare sulle colline pisane, le Alpi Apuane, e i Monti Livornesi, se la visibilità sarà ottimale riusciremo a scorgere il Golfo di Baratti.
Programma Partiremo dal paese di Parrana San Martino, all’incrocio fra Via Parrana San Martino e Via del Pino, alla
fermata dell’autobus. Saliremo su sentieri stretti e scivolosi passando da sotto l’Acquedotto Leopoldino e guadando il torrente. Lungo i sentieri incontreremo le vecchie cave di calcare utilizzate per costruire l’acquedotto. Attraverso sentieri un po’ stretti e poco battuti usciremo dal fitto della macchia e arriveremo al Calvario dove pranzeremo. Finiremo il giro percorrendo un altro sentiero fino a tornare alle auto.
Dettagli
Termine iscrizioni: Sabato 14 Febbraio ore 15.00
Il programma potrà subire modifiche per motivi di sicurezza, per condizioni meteorologiche avverse o per altre esigenze.
REFERENTI: Dario Canaccini 333 3970361 (Coop Biodiversi)
Stefano Baldacci 349 8028903 (WWF Livorno)
Domenica 15 Febbraio
Ritrovo : ore 10.00 al parcheggio della “pinetina”
sul Viale della Libertà a Livorno, di fronte al
parcheggio ATL oppure ore 10.30 all’incrocio fra
via di Parrana San Martino e Via del Pino
Mezzo di trasporto: mezzi propri cercando di  riempire le auto e chi non ha un mezzo può trovare
un passaggio
Percorrenza totale: 7 Km
Salita totale: circa 450 metri
Tempo di cammino effettivo: 3h circa
Difficoltà: E (Escursionista). Non presenta troppe  difficoltà, alcuni tratti potrebbero risultare un po’
ripidi e scivolosi. Possibili tratti fangosi.
Costi escursione: € 10 (€ 5 per i soci WWF e bambini) da pagare sul posto al capo gita referente
Pranzo: al sacco
Rientro previsto: ore 15:30 circa
Abbigliamento consigliato: Scarponi da trekking, pantaloni lunghi,  abbigliamento “a cipolla”. Si consiglia caldamente
almeno un bastoncino da trekking

Riproduzione riservata ©