Zelig. “Bar Lume” special guest: assegnati 3 ticket

Mediagallery

Dopo il grande successo delle precedenti puntate torna al Teatro Cral Eni l’appuntamento “cult” con la nuova comicità livornese e toscana. Stiamo parlando di “Zelig Livorno”, laboratorio comico che ogni due settimane propone uno show di due ore sempre nuovo ed esilarante con i migliori nuovi artisti del panorama comico regionale (e che di recente ha aperto i battenti anche a Firenze al Teatro Cestello). La redazione di Quilivorno.it ha assegnato tre ticket omaggio ai suoi lettori tramite l’ormai noto concorso. I vincitori saranno contattati al più presto dallo staff di Zelig Livorno per la modalità di ritiro degli accrediti.

Dopo i vari ospiti che si sono alternati nelle puntate precedenti (Da Andrea Camerini del “Vernacoliere” al comico “Rino Ceronte” di Colorado Cafè) per l’appuntamento di venerdì 18 marzo il laboratorio avrà un ospite d’eccezione. Sul palco del lab salirà infatti anche Marco Malvaldi, scrittore e autore della fortunata serie de “I Delitti del Barlume”, che farà un reading di un suo racconto comico.

Ma oltre a Malvaldi, ricchissimo anche stavolta sarà il cast della serata. Sul palco vedremo Stefano Bellani alle prese con i saldi, i monologhi di Nico Pelosini e Giacomo Terreni, le folli telefonate di Gianluca Garrapa, Silvia Lepri in lotta contro un nemico  temibile: la dietologa, un altro sciopero indetto dal “Presidente Sindacato Mariti” Fabio Max, i monologhi di Francesco Frosini, gli assurdi “Perchè” di Andrea Cappellini, Claudio Marmugi alle prese con i vicini, Stefano Santomauro che si improvviserà antropologo per descrivere  una strana specie: quella delle commesse e tanti tanti altri. Il tutto diretto da Marco Vicari (Autore Per La7 e Comedy Central).

L’appuntamento con la risata è quindi per venerdì 18 marzo, ore 21;30, con “Zelig Livorno – Special guest Marco Malvaldi” al Teatro Cral Eni (Ingresso anticrisi a 7 euro – Per info e prenotazioni telefono 0586-40.13.08). Autori e comici assicurano “Si ride abbestia!”

 

 

Riproduzione riservata ©