All’hotel Palazzo concerto Iris e mostra Talà

Mediagallery

Domenica 6 dicembre, alle 17, all’Hotel Palazzo, l’associazione Vivi San Jacopo, nell’ambito delle manifestazioni correlate alla mostra “Shodo – l’arte della calligrafia giapponese” organizza un concerto dedicato alla musica di Pietro Mascagni ed all’esotismo in musica. L’occasione si collega anche all’anniversario della nascita di Pietro Mascagni (7 dicembre 1863) e perciò concentra la sua attenzione su Iris, l’opera forse più raffinata del musicista livornese, che è appunto di argomento giapponese. Insolita e bellissima, Iris fu composta nel 1898 ed è ambientata in Giappone, all’epoca Edo. Una fanciulla ancora adolescente, Iris appunto, si trova al centro di una intricata vicenda dove l’erotismo si fonde con la morale e con l’egoismo, dove il “giorno” e la “notte” (simboli del candore e del peccato) si alternano fino al finale in tripudio floreale di luce e calore. Per questa sua opera Mascagni trovò melodie originale e sinuose, di grande effetto e raffinatezza. Nel concerto ascolteremo le pagine più famose dell’opera, la serenata di Jor di tenore, la danza delle guèchas e soprattutto il magnifico duetto del secondo atto, “O come al tuo sottile corpo s’aggira” cone la celeberrima “aria della piovra”.
Nel concerto tuttavia non ascolteremo solo pagine da Iris. Con un singolare collegamento al mondo orientale sono in programma le struggenti melodie della Turandot pucciniana, (da “Tu che di gel sei cinta” di Liù a “Nessun dorma” di Calaf), e altre pagine tratte da Sansone e Dalilah, L’africana, La Gioconda, Otello, Lakmé nonché pagine pianistiche di Debussy e dello stesso Mascagni.
Per un programma tanto impegnativo ed appassionante sono necessari cantanti di gran livello e Vivi San Jacopo mette in campo le splendide voci del tenore Simone Mugnaini (uno dei pochi che oggi possa reggere con disinvoltura le tessiture di Iris e di Turandot), del soprano Rosa Perez Suarez e del mezzosoprano Fulvia Bertoli che saranno accompagnati al pianoforte da un ottimo musicista come Gianni Cigna. Il giovane pianista eseguirà anche le pagine solistiche di Mascagni e di Debussy, i due musicisti che più di ogni altro alla fine dell’Ottocento seppero tradurre in un linguaggio originale le suggestioni d’Oriente. Il concerto è presentato dal musicologo Fulvio Venturi.
Ingresso 10 euro. Info e prenotazioni tel 3298226970 oppure email [email protected]

Inoltre nella hall dell’hotel sarà possibile visionare i conosciuti scatti dell’artista fotografa Giovanna Talà (1936-2013), già apparsi in numerose esposizioni in grandi teatri italiani e in importanti pubblicazioni (tra cui le monografia, Mascagni Musica da guardare, Sogni di luce. Il senso dell’immagine nel teatro di Lindsay Kemp, entrambi dell’editore Bandecchi&Vivaldi ed il DVD Verso il fascino del Novecento- In viaggio con Pietro Mascagni, un livornese nel mondo) fissano i momenti scenici dell’Iris mascagnana nelle due versioni registiche di Lindsay Kemp e Federico Tiezzi, amplificandone l’esotismo nippofilo e l’incanto simbolista.

Riproduzione riservata ©