Al Vertigo “Amori degli dèi”

Mediagallery

Dopo due anni dal debutto come regista e autore, il giovane Gianluca Arena si cimenta nella messinscena di un’altra sua commedia, questa volta originale, dallo stampo arcaico e classicheggiante.
Amori degli dèi è un’opera ambientata in uno scenario di campagna con otto personaggi che, tra equivoci, amori e rivalità, riservano al pubblico un’ora e mezza di grande vivacità e incalzante vitalità, senza però perdere di vista la profondità e un pizzico di ironia. “La cosa che più mi rende fiero spiega il regista “è il fatto che sei degli otto attori che fanno parte del cast non superano i vent’anni. Questo per me significa molto, soprattutto se penso a quanto sono stato fortunato ad aver recitato nel primo spettacolo di stagione a soli tredici anni. I ragazzi sono bravissimi, svolgono un’attività – quella teatrale- oggi molto sottovalutata, che richiede grande sacrificio e dedizione. Inoltre dimostrano grandi doti e una padronanza recitativa rara, ulteriore prova del fatto che anche i giovani, se ben strutturati, possono salire sul palcoscenico con lavori teatralmente complessi». Un elemento molto importante è la scena, concepita come un foglio di carta bianco dipinto al centro con figure, macchie, sagome umane nere che si muovono nello spazio. “Tenendo presente che questi caratteri implicano una lieve vicinanza ai personaggi, abbiamo stabilito di far indossare agli attori un solo indumento colorato, che spezzasse il nero del completo e mettesse in evidenza la caratteristica principale dei “personaggi””.
La vicenda ha al centro una coppia di innamorati, Nunzio e Leonia, il cui amore viene stroncato sul nascere per volere del padre di lei, Aristarco. Il vecchio, infatti, non permette che la giovane figlia stia con qualcuno che non sia un contadino, poiché considera il lavorare la terra come l’unico mestiere capace di garantire una rendita anche in tempi di crisi. Giovanni e Francesco tentano di aiutare il povero Nunzio, distrutto dalla separazione da Leonia, ma i loro intenti si intrecciano con una lite in famiglia tra Aristarco e suo fratello Spartaco, amplificando il caos generale. Il tutto accompagnato da una buona dose di fraintendimenti ed equivoci.
La commedia debutterà il 14 febbraio (21.30) al Teatro Vertigo di Livorno e sarà replicata il 15 (17.30) il 20 (21.30) e il 21 (21.30).

Info e prenotazioni 0586.210120

Amori degli dèi
di Gianluca Arena
regia Gianluca Arena
con
Marco Conte (Aristarco, padre di Leonia)
Luca Carrieri (Spartaco, padre di Esmeralda, fratello minore di Aristarco)
Andrea Poli (Francesco, amico di Nunzio e Giovanni, fidanzato di Beatrice)
Tommaso Piroli (Giovanni, amico di Nunzio e Francesco)
Alessio Ulivi (Nunzio, innamorato di Leonia)
Aurora Trotta (Leonia, innamorata di Nunzio)
Elisabetta Papallo (Esmeralda, cugina di Leonia)
Emma Barontini (Beatrice, amica di Esmeralda)
Aiuto regia: Luca Carrieri e Marco Conte
Progetto scenografico e costumi: Francesca Falaschi
Realizzazione scenografica: Francesca Falaschi e Patrizia Coli
Luci: Ugo Zammit
Musiche e suoni: Roberto Pacini

Riproduzione riservata ©