A luglio Livorno capitale della danza grazie a A.E.D.

“Full immersion” con docenti provenienti da tutto il mondo

Mediagallery

E’ nel segno di Pina Bausch, la celebre coreografa tedesca scomparsa nel 2009, che si svolgeranno a Livorno dal 1 al 25 luglio gli “Incontri Internazionali di Danza”.
Parteciperà per la prima volta Malou Auraudo che ha fondato a Wuppertal in Germania la famosa compagnia con Pina Bausch e ne è stata interprete e musa fino alla sua scomparsa. Malou è però diventata famosa grazie ai film “Parla con lei” di Pedro Amodovar e “Pina” di Wim Wenders, nei quali ricopriva il ruolo di protagonista. Adesso dirige The Institute of Contemporary Dance (IZT) che è parte dell’Università pubblica di Essen.
Nel corso delle quattro settimane si avvicenderanno nello studio dell’A.E.D. Associazione Europea Danza ben 12 docenti provenienti dalle principali istituzioni del mondo. Per la danza classica la scelta spazierà tra lo stile e il virtuosismo francese dell’Opéra di Parigi, rappresentata da Nathalie Quernet, il rigore tecnico della scuola inglese della Royal Ballet School di Londra, con Paul Lewis del Covent Garden e la dinamica unica nel suo genere della scuola americana proposta da Cathy Sharp. Completa il programma “classico” Laurence Korsenti docente di spicco della Dutch National Academy di Amsterdam. La settimana che va dal 13 al 18 luglio sarà dedicata alla CODARTS, la principale Accademia europea, punto di riferimento per la sperimentazione moderna e contemporanea. Torna a Livorno il direttore Samuel Wuersten che terrà lezioni di una preziosa tecnica moderna, la tecnica Cunningham. Samuel Wuersten oltre ad essere direttore dell’Holland Dance Festival, la più importante rassegna di danza contemporanea europea, ha assunto da quest’anno anche la direzione artistica del Bachelor of Contemporary Dance all’Università di Zurigo. Gli Incontri internazionali daranno ampio spazio alla tecnica dell’improvvisazione che sarà guidata da Michael Schumacher, docente americano, una vera autorità della materia, conduce infatti laboratori di analisi del movimento e tecniche di improvvisazione in tutto il mondo.  Tra gli stili coreografici meritano una menzione il coreografo e danzatore olandese Sjoerd Vreugenhil che introdurrà gli studenti alle abilità concepite da William Forsythe e il coreografo Ungherese Lorand Zachar del Budapest Dance Theatre. Il programma completo può essere consultato sul sito dell’A.E.D.: www.aed.dance

Riproduzione riservata ©