Una Messa per il Sacro Militare Ordine Costantiniano

Mediagallery

di Roberto Olivato

“In hoc signo vinces” questa frase con l’immagine della Croce apparsa in cielo a Costantino I, a seguito della vittoria su Massenzio a Ponte Milvio, portò l’imperatore Costantino quale ringraziamento, a dare origine ad un Ordine Cavalleresco, risultato il più antico della Cristianità . Oggi 22 marzo, anche se passato in sordina per la maggior parte dei media locali, presso la chiesa di Santa Caterina alle ore 11, il vescovo Simone Giusti ha celebrato una Messa solenne alla presenza di un centinaio di Cavalieri e Dame del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio provenienti da tutta la nostra regione, avvolti nei loro grigi mantelli, ufficializzando la nascita anche a Livorno di una sede dell’ Ordine Costantiniano. Le motivazioni di questa celebrazione Eucaristica risalgono al mese di gennaio, quando la Delegazione dei Cavalieri della Toscana chiese al nostro Vescovo di poter operare nell’ambito della Diocesi livornese, ricevendone parere favorevole. ‘’ La Chiesa ha bisogno di voi! La vostra è una battaglia culturale dove l’impegno profuso contro il divorzio, l’aborto, la droga, si affianca all’impegno quotidiano della Chiesa. ’’ L’ Omelia del vescovo Giusti è proseguita nell’analisi del carisma dell’Ordine ‘’ una persona è grande quando è capace di amare e voi lo sapete fare. Il vostro aiuto, che non è da confondere con altre associazioni tipo Lions e Rotary, pur rispettabili nei loro fini, si differenzia per la battaglia che quotidianamente affrontate nella difesa dei valori fondamentali del cristianesimo, uniti nella vostra Milizia con Dame e Cavalieri, a difesa di Cristo e della Sua Croce.’’

 

 

Riproduzione riservata ©