Prima messa per padre Anthony

Mediagallery

di Roberto Olivato

Una due giorni veramente intensa quella vissuta dalla comunità della parrocchia di San Ferdinando di Livorno, nelle giornate del 29 con la festa della Madonna del Buon Rimedio che ha visto una processione con grande partecipazione di fedeli e ventiquattrore dopo nella giornata del 30 maggio, nel corso dei festeggiamenti per San Ferdinando che per la parrocchia ha rappresentato un evento eccezionale vedendo salire all’altare per la celebrazione della sua prima S.Messa il giovane vietnamita padre Anthony Mai Quoc Phong, ordinato sacerdote nella giornata del 24 maggio. Presenti alla prima celebrazione eucaristica di Anthony, oltre a don Donato Mollica segretario del vescovo di Livorno Simone Giusti, il Ministro Provinciale dei Trinitari Padre Gino Buccarello, padre Michele Siggillino cappellano delle carceri , il parroco Emilio Kolaczyk ed il superiore dei Trinitari livornesi, padre Cosimo Pleve. A portare il saluto della famiglia Trinitaria e di tutti i parrocchiani è stato proprio padre Cosimo che ringraziando Padre Buccarello, per avergli concesso la parola, ha ricordato al neo sacerdote le difficoltà del sacerdozio: “ con l’ordinazione non otteniamo un privilegio, ma una promessa di costante servizio alla comunità assegnataci. Lo stare fra la gente- ha proseguito padre Cosimo- ci offre l’opportunità di conoscere i reali problemi, le ansie, i dubbi e le difficoltà della nostra gente, che noi dovremo alleviare con la speranza nella Fede non solo pronunciata ma da noi praticata nell’umiltà e carità, sapendo che dal nostro esempio di amore verso il prossimo potranno essere alleviate molte sofferenze, che ci permetteranno di tornare a sera nella nostra camera, impregnati di odore di pecora del nostro gregge, come ricordato da Papa Francesco, riuscendo ad entrare in sintonia con le anime affidateci, diventando sempre più i loro sicuri punti di riferimento “. L’emozione che traspariva nella voce dell’anziano Trinitario e negli occhi dei presenti, si scioglieva in un vibrante applauso che avvolgeva in un unico grande abbraccio il giovane festeggiato.

 

Riproduzione riservata ©