A Montenero la reliquia di papa Wojtyla. Il programma dell’evento

Otto giorni di liturgie tra cui il pellegrinaggio serale dall'Apparizione

Mediagallery

Arriva a Montenero la reliquia di san Giovanni Paolo II. L’annuncio del parroco del santuario, don Luca Giustarini,  è arrivato nella serata di ieri, giorno della canonizzazione dei due Papi. La reliquia, una garza imbevuta del sangue di san Karol Wojtyla raccolta durante uno dei ricoveri al Policlinico Gemelli, sarà a Montenero sabato 10 maggio e vi resterà fino a domenica 18 (come di consueto potete trovare il link al programma in fondo all’articolo) in un susseguirsi di liturgie in vista del 450° anniversario della proclamazione della Madonna di Montenero come patrona di Livorno.
Sabato 10 la reliquia del papa santo arriva da Firenze e alle 14,30 fa sosta al Carmelo di Antignano, poi tocca il “castello” e Villa Mayer delle Piccole Figlie di S.Giovanni Gualberto, si sposta al Castellaccio alla chiesa di Santa Teresa e dalle 16,15 viene portata in processione da via del Poggio fino al sagrato del santuario; alle 17 la messa celebrata dal vescovo emerito di Massa Carrara, mons.Eugenio Binini. Mercoledì 14, alle ore 16 la liturgia celebrata dal vescovo Simone Giusti, seguita poi (ore 21) dalla processione lungo tutta via di Montenero dall”Apparizione fino in cima al colle, dove alle ore 22,45 è previsto che il pievano di Antignano, don Piotr Kownacki, offici la liturgia.
Nel programma è previsto per sabato 17 il pellegrinaggio diocesano mensile. Il vescovo Giusti presiederà la messa (ore 9) espressamente dedicata a san Giovanni Paolo II. Domenica 18 è l’anniversario della nascita di Wojtyla: al santuario alle ore 11,30 la messa di chiusura celebrata da don Paolo Morocutti, assistente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Riproduzione riservata ©

Allegati