Montenero, apre il ristorante del pellegrino

Mediagallery

di Roberto Olivato

C’era un inconsueto assembramento ieri sera alle 19 nella piazza di Montenero, in un’ora in cui non erano previste funzioni religiose, ma quelle persone erano in attesa dell’inaugurazione del nuovo locale il Ristorante del Pellegrino, posto a lato della gradinata del Santuario. Il locale sobrio e nel contempo elegante, abbellito da una veranda in ferro battuto, appartiene ai monaci benedettini, ed è stato interamente ristrutturato grazie all’intervento dell’imprenditore portuale Andrea Palumbo, come ricordato dal vescovo Simone Giusti ‘’ auspico che questo evento rappresenti un primo passo verso la riqualificazione dell’intero Santuario che potrebbe divenire anche un centro Congressi ‘’. Palumbo si è detto felice di aver sostenuto l’idea rappresentatagli dai monaci e principalmente da don Luca Giustarini ex parroco di Montenero e soprattutto ‘’ per aver dato la possibilità a due giovani coniugi d’intraprendere un’attività nella quale credono molto, grazie anche alla loro grande professionalità .‘’ La professionalità di Raffaella e Daniele è maturata alla scuola dei migliori chef nazionali portandoli a poter presentare nel loro menu, diversi piatti regionali. ‘’ La cucina che proponiamo è principalmente quella livornese – spiega Raffaella che con orgoglio ricorda – i nostri prodotti sono tutti esclusivamente a chilometro zero e provvediamo direttamente noi alla scelta’’. Il marito Daniele ci parla del menu del pellegrino che al costo di 12 euro propone un primo, secondo, contorno ed acqua. Esiste comunque anche un menu per chi voglia degustare gli speciali piatti che Raffaella confeziona con le proprie mani, come le tagliatelle ed altri tipi di pasta. Presenti all’inaugurazione oltre al vescovo, l’ex parroco don Luca Giustarini giunto appositamente da Pordenone, l’abate generale della Congregazione dei Vallombrosani padre Dom Giuseppe Casetta, il questore Marcello Cardona, autorità cittadine e rappresentanze di associazioni, oltre a tanta gente.

 

Riproduzione riservata ©