Le Paoline compiono 100 anni

Mediagallery

di Roberto Olivato

Sono ventidue le Congregazioni femminili appartenenti alla Diocesi di Livorno e per una di queste si sta avvicinando una giornata particolare. Per quella delle Figlie di San Paolo, il prossimo 14 marzo ricorrerà il Centenario della loro fondazione ad opera di don Giacomo Alberione. Fu infatti nel 1915 che don Alberione il 15 giugno dette origine alle Figlie di San Paolo, che aprirono la loro prima casa a Susa. Le Figlie di San Paolo, più conosciute come Paoline, sin dall’inizio si dedicarono all’apostolato della stampa dirigendo il loro primo settimanale La Valsusa, per proseguire nel corso degli anni con la gestione di librerie,  tipografie e la conduzione della Casa editrice Paoline. L’arrivo dei nuovi mezzi di comunicazione non hanno sorpreso le Figlie di San Paolo che, comprendendo l’importanza delle nuove tecnologie come Internet, si sono attrezzate per migliorare e rendere più capillare la loro opera di evangelizzazione. A significare l’importanza che questi nuovi strumenti rivestono per lo sviluppo del carisma delle Paoline, la Congregazione ha creato il Sicom ( Segretariato Internazionale di Comunicazione ndr) dove il settore Internet che gestisce e aggiorna il sito istituzionale, prepara le Consorelle nello studio della comunicazione. Attualmente le Figlie di San Paolo sono presenti in 240 comunità distribuite in 52 nazioni ed a Livorno sono presenti in via dell’Indipendenza con la libreria ed in via Corcos dove ha sede la loro Casa.  Per festeggiare il Centenario sabato 14 marzo, nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo, Suor Teresa Braccio del Sicom parlerà delle attività che la Congregazione svolge nel mondo. Al termine, la Santa Messa di ringraziamento, celebrata dal vescovo Simone Giusti aprirà ufficialmente il secolare anniversario delle Figlie di San Paolo. Ad allietare musicalmente l’importante evento, sarà la Corale Polifonica “Giovanni Sedda” dell’Associazione culturale sarda Quattro Mori

 

 

 

Riproduzione riservata ©