Anche a Livorno i punti di raccolta dell’Unitalsi

Mediagallery

di Roberto Olivato

Sabato  5 e domenica  6 marzo anche a Livorno, come in altre 3000 piazze italiane, saranno presenti dei punti di raccolta fondi dell’Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali ), in  occasione della 15esima Giornata nazionale. Dal 1997 l’Unitalsi è stata dichiarata associazione pubblica di fedeli da parte della Conferenza episcopale italiana e parte integrante della Protezione Civile. A sottolineare l’importanza dell’iniziativa e per meglio propagandarla la Lega Calcio di Serie A farà indossare ai calciatori una sciarpa Unitalsi. Il ricavato delle offerte sarà utilizzato per sostenere i numerosi progetti di solidarietà in cui l’Associazione è impegnata quotidianamente sull’intero territorio nazionale, al servizio delle fasce più disagiate della popolazione, grazie all’impegno dei propri soci, per pellegrinaggi , progetti di solidarietà in Italia e all’Estero, assistenza domiciliare agli anziani, case famiglia per le persone disabili, case accoglienza per i genitori dei bambini ricoverati nei grandi centri ospedalieri, soggiorni estivi e interventi d’emergenza sociali. Dal mese di novembre, presidente della sottosezione livornese, che ha sede in via della Madonna, è Eugenio Pariello. Presidente in che modo Livorno parteciperà a queste due giornate? ” Saremo presenti presso la Coop del Parco Levante il 5 ed il 6 dalle 8,30 alle 19,30 e se il tempo lo permetterà anche domenica 7 presso la rotonda di Ardenza “. Qual’è lo scopo di questa 15esima giornata? ” Come le precedenti anche questa giornata è finalizzata alla raccolta di fondi per la nostra associazione. Quest’anno sarà possibile contribuire acquistando dei bonsai di ulivo”. Quanti sono in città gli aderenti al vostro sodalizio? ” Fra ammalati e soci siamo oggi circa una cinquantina, ma le porte sono aperte a chiunque desideri offrire la propria disponibilità, all’assistenza ed all’accompagnamento degli ammalati nei pellegrinaggi, basta telefonare allo 0856-856877 “.

 

Riproduzione riservata ©