Studenti alla Ribalta, sul palco il Cecioni

Mediagallery

Si conclude mercoledì 4 giugno alle ore 16 con il Liceo Classico Niccolini ed alle ore 21.30 con il Liceo Cecioni, Studenti alla Ribalta, la rassegna teatrale delle scuole cittadine giunta quest’anno alla sua XVI edizione, organizzata dalla Fondazione Teatro Goldoni.
Il Liceo Classico Niccolini propone due momenti teatrali distinti: il primo, la 3°A Liceo Classico guidati da Maria Antonietta Monaco presenta ‘Se questi sono uomini’ un libero adattamento del libro di Riccardo Iacona, una riflessione sulla violenza alle donne; nella Seconda parte, la 5°A Sociale presenta Progetto ‘HELPER’ che prevede la preparazione degli alunni come collaboratori nelle manifestazioni sportive scolastiche di ogni ordine e grado, seguito dalla 3° ecos con L’Acrosport: “Quando il movimento diventa arte”, attività di collaborazione, fiducia, rispetto, equilibrio e altro nella costruzione di coreografie acrobatiche, due momenti coordinati dalla Prof.ssa Paola Guerrini, per finire poi con le classi 3°A, 3°B, 3°C, 4°B, 3° B V.O. con ‘Emozioniamoci’ – Progetto di espressione corporea, curato da Laura Contini; emozioni e riflessioni che personaggi famosi di ieri e di oggi suscitano con le loro doti, il loro pensiero e la loro creatività. Alle 21.30 gli studenti del Liceo Scientifico Cecioni presentano Fantastique Steampunk. Coordinati dalla professoressa Claudia Schiazza, con la regia delle Immagin-attrici Beatrice Di Meglio, Eva Flumari e Irma Palandri, gli studenti hanno rielaborato un testo inedito dal titolo “Fantastique Steampunk” ovvero come cambiare il passato rendendolo futuro.
Nessuno può fermare il racconto della storia. A casa dei personaggi de La meccanica del cuore – Jack dal cuore a orologio, Madeleine l’ostetrica folle e Wild Wild Ester la donna rotta – si riposano anche altre strane figure: l’incredibile dottor Parnassus, il capitano Nemo senza il suo Nautilus, una donna affetta dalla sindrome di Alice nel paese delle meraviglie, la Regina Vittoria detta Drina moglie di Re Artù, Emily del manicomio delle ragazze vittoriane e Orson Welles. Siamo dentro lo steampunk, quel filone della narrativa fantastica-fantascientifica che introduce una tecnologia anacronistica all’interno dell’ambientazione storica di fine ‘800 nell’Inghilterra vittoriana. E dopo la sfida proposta da Mr Nick per salvare il racconto della storia del mondo e qualche viaggio nell’Imaginarium, i personaggi steampunk decidono di evocare quei personaggi storici che hanno visto il futuro con gli occhi del passato. Fortunatamente arriva il “vero” viaggiatore del tempo che li accompagna con la sua macchina in 10 viaggi. A che scopo? Per scoprire i limiti della razza umana attraverso lo sguardo di Isaac Asimov, Stanislav Lem, H.G.Wells e tramite alcuni incontri con figure femminili passate e future. Che cosa è stato prodotto dopo secoli di evoluzione? Ecco gli Eloi e i Morlock… La compagnia instabile del laboratorio teatrale del Liceo Cecioni, 70 ragazzi tra attori e scenografi, vi aspetta alla Goldonetta. Siete pronti per partire in viaggio nel tempo ai confini dell’immaginazione?

Biglietti: posto unico 5 € biglietteria aperta dal martedì al venerdì ore 17/20
Info: 0586.204237-204290 www.teatrogoldoni.it

Riproduzione riservata ©