Io, professoressa al Liceo della Danza

Mediagallery

 A cura della professoressa Sofiya Hristova, Docente di Tecnica della Danza Classica. (Foto di Ani Collier)

Sono seduta in treno. Ho una valigia che pesa più di 30kg, solo una piccolissima parte dei miei averi che sono rimasti a casa aspettando il loro momento per traslocare. La meta è Livorno dove non più di 36 ore prima ho avuto un incarico come Docente di Danza Classica all’indirizzo coreutico del Liceo “Niccolini-Palli”. Sono entusiasta,  nella mia testa   sgorgano in continuazione idee accavallandosi, intrecciandosi.
Nei treni, sapete, spesso si conversa. Io, desiderosa di condividere l’esperienza che sto per cominciare, chiacchiero con i miei compagni di viaggio e scopro che nessuno di loro, ed erano cinque livornesi, sapeva dell’esistenza del Liceo Coreutico.  I signori che mi hanno ospitato per i primi giorni nel loro b&b, neanche. L’impiegata all’agenzia immobiliare, idem. E allora si fa avanti in me il desiderio di trovare un modo per far conoscere ai livornesi che nella loro splendida città esiste anche il Liceo della Danza. E quale mezzo migliore dell’informazione online?

Così nasce l’idea di questa rubrica e come primo argomento la breve esposizione dei fatti. Cinque anni fa i Licei Coreutici vengono tenuti a battesimo anche in Italia.
Istituiti con la Riforma dei Licei nell’anno  2010, essi colmano un vuoto educativo e culturale presente nel sistema scolastico del Bel Paese. Considerata l’importanza che gli antichi greci attribuivano alla danza come parte dell’educazione dei giovani ed il fatto che l’insegnamento di questa disciplina è presente nelle scuole pubbliche in molti paesi europei, il mondo della danza italiano ha gioito del riconoscimento istituzionale ed educativo che Tersicore ha finalmente ricevuto.
Il Liceo Coreutico livornese invece, apre i battenti nel anno scolastico 2012/2013 ampliando così  l’offerta formativa dello storico I.S.I.S “Niccolini-Palli”. Questo indirizzo, fortemente voluto dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Nedi Orlandini, dimostra l’attenzione da parte della dirigenza dell’istituto verso  percorsi educativi nuovi e insoliti, che possano portare i giovani a scegliere strade atipiche anche a livello lavorativo.
Oggi il Liceo Coreutico di Livorno è uno dei circa 30 licei in tutta Italia, il secondo in Toscana dopo quello di Arezzo. L’Istituto  dispone di una sala di danza di ben 300 mq, perfettamente attrezzata, dove le lezioni si svolgono sotto la guida di docenti laureati all’Accademia Nazionale di Danza di Roma e vengono accompagnate dal vivo  al pianoforte. In stretta collaborazione con l’Accademia Nazionale di Danza di Roma, il Liceo offre ai propri alunni la possibilità di approfondire e sviluppare conoscenze, abilità e competenze che portano a padroneggiare i diversi linguaggi coreutici sotto gli aspetti dell’interpretazione, dell’esecuzione e della rappresentazione in una prospettiva culturale, storica, estetica, tecnica e teorica. Lo studio attinente alla danza è parte integrante di un processo educativo liceale che comunque si basa su materie umanistiche e scientifiche quali letteratura e storia italiana, filosofia, matematica ecc. come garanzia per una preparazione a 360°.
Fin qui le premesse sembrano davvero allietanti, ma quali prospettive di istruzione universitaria e/o sbocchi lavorativi di potrà avere un alunno al termine del percorso liceale ? Seguiteci nelle prossime edizioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riproduzione riservata ©