Nidi, via alle iscrizioni. Come fare domanda

Mediagallery

di Jessica Bueno

L’8 giugno sono partite le iscrizioni ai servizi educativi rivolte ai bambini da 0 a 3 anni per l’anno scolastico 2015/2016. Il Comune manterrà il livello quantitativo dell’offerta di servizio, con una novità: è stata infatti implementata l’articolazione territoriale, in particolare l’attività continuativa educativa fino ai 6 anni. Il bando per le iscrizioni 2015/16 comprende un Nido in più, ossia il privato “Mondoinfanzia Blu”, in via Cecioni 8. Le domande per i bambini di prima/nuova iscrizione possono essere presentate entro le ore 13 di sabato 20 giugno (possono essere iscritti i bambini residenti a Livorno nati dal 1 gennaio 2013 al 20 giugno 2015).
“E’ un punto su cui vogliamo far puntare l’attenzione – afferma la vicesindaco Stella Sorgente – Per l’anno scolastico che va a conclusione, le domande di iscrizione sono state solo 50 in meno a quello precedente dove avevamo invece assistito a una notevole riduzione rispetto a due anni fa. C’è un trend negativo dovuto alle difficoltà crescenti nelle famiglie”.
Per quanto riguarda la continuità educativa 0-6 anni, sono stati istituiti 3 nuovi centri dell’infanzia collegati ad altrettanti Nidi comunali situati in zone limitrofe. Tutto ciò fa seguito ad una programmazione comune già in atto che va ad implementare il concetto di formazione congiunta delle insegnanti della scuola d’infanzia e delle educatrici. Dal prossimo anno scolastico quindi:

-i bambini che frequentano il Nido “Colibrì” potranno continuare il loro percorso nella scuola comunale dell’infanzia “Menotti”(situata nel quartiere Shangay);

-quelli che frequentano “La coccinella” e “Pirandello” potranno continuare il loro percorso nella scuola comunale dell’infanzia “La rosa” (nella zona centro-sud);

-per coloro che frequentano il Nido “Salviano”, ci sarà la possibilità di continuare il percorso nella scuola comunale dell’infanzia “Bimbiallegri” (nella zona sud-est).
“Dal punto di vista didattico – spiega Stella Sorgente – ci deve essere una continuità, è un fatto molto importante. Devo inoltre segnalare l’apporto molto rilevante della Fondazione Livorno che ha confermato uno stanziamento di 150.000 euro coi quali finanzierà ulteriori 24 posti aggiuntivi tramite privati convenzionati inseriti nel bando comunale, i quali usufruiscono di tutte le agevolazioni tipiche dei nidi comunali propriamente detti”.
“Sappiamo delle difficoltà che stanno attraversando diverse amministrazioni comunali – continua – si sentono spesso notizie peggiorative. Per quanto riguarda Livorno l’impianto resta quello che è senza tagli di alcun genere. Dal punto di vista nazionale mi permetto di segnalare che, per fortuna, il governo sembra essersi interessato dei servizi educativi. C’è un’ipotesi in uno degli ultimi articoli del decreto ‘La Buona Scuola’ riguardante un possibile contributo statale per il funzionamento dei servizi 0-6. Sono sempre stata molto critica nei confronti di questo decreto, ma questa possibilità ci lascia una speranza”.
In programma un nuovo regolamento da valutare in commissione e successivamente in Consiglio: tra i vari punti, saranno discussi criteri per le esenzioni e per il mantenimento dell’esenzione totale, in modo da preservarsi contro i ‘falsi poveri’.

“Essendo servizi con forte presenza di risorse umane – spiega Massimiliano Bendinelli, dirigente del settore educazione e sport –  ricoprono il 5% del totale del bilancio del Comune, con un livello di entrate del 40% del costo. E’ in corso di sviluppo un approccio più strutturato di indagine sulle certificazioni Isee, per cercare di incentrare gli sforzi verso le fasce di bisogno effettivamente esistenti. Un altro dato che mi piace evidenziare è che, a livello di iscrizioni, circa il 27% avvengono online per la fascia 0/3. E’ molto soddisfacente”.

Sono presenti 20 scaglioni di Isee. La retta massima, senza agevolazioni, è di 516 euro: questa non corrisponde di per sé al costo di servizio, che si aggira intorno ai 750-800 euro a bambino mensili.

“L’85% circa del costo è per il personale, si devono rispettare dei parametri di legge – afferma Lilia Bottigli, responsabile del sistema infanzia –  E’ importante sottolineare che questa è un’offerta pubblica integrata a cui le famiglie possono accedere a parità di condizioni, sia di qualità che di costo. I centri infanzia sono una scelta organizzativa di questo territorio. Dal punto di vista normativo i servizi sono o da 0-3 anni (nido e tipologie integrative come lo spazio gioco) o scuole dell’infanzia. Quest’ultime non sono di competenza dei Comuni. Il nostro le ha mantenute in quanto nel corso degli anni c’è stato un aumento della domanda dovuta al fenomeno dell’immigrazione. Lo Stato, che sarebbe titolare, non ha incrementato l’offerta, tanto che è dovuta intervenire la Regione con le sezioni Pegaso, co-finanziate dai Comuni. In questo bando completiamo l’assetto organizzativo, questo consente ai bambini di continuare il percorso educativo fino all’uscita per la scuola”.
“Sabato scorso al Terminal Crociere – conclude vicesindaco – c’è stato un momento di riflessione sul sistema educativo 0-6 finalizzato alla redazione di un documento che servirà a fare richieste al Governo e alla Regione in modo che venga data maggiore attenzione a questo tipo di servizio. Sarà discusso anche all’interno di Anci, rappresenta un’esigenza a livello toscano. Durante il convegno il nostro personale educativo e delle scuole dell’infanzia è risultato molto qualificato e competente, i feedback delle famiglie stesse sono positivi. Questo dà merito ai funzionari comunali sia a tutto il personale educativo”.

 

Le domande devono essere presentate online accedendo alla Rete Civica (www.comune.livorno.it) del Comune di Livorno nella cui home page sarà presente il link “Bando iscrizione Nidi ed altri servizi educativi”. Cliccando si troveranno due link, ovvero “credenziali di accesso ai servizi online” e “password temporanea”. Il primo richiederà username e password che possono essere richiesti:

-tramite PEC (posta elettronica certificata) da inviare all’Urp- Ufficio Relazioni con il Pubblico – all’indirizzo [email protected];

-agli sportelli comunali dell’Urp (piano terra del Palazzo Comunale, piazza del Municipio 1) e del settore “Educazione e Sport” (via delle Acciughe 5, piano 1) presentando un documento d’identità in corso di validità.

La password temporanea avrà una durata di 3 giorni ed è valida solo per l’iscrizione ai Servizi Educativi 0-3. Può essere richiesta tramite cellulare inviando un sms (testo “zerotre”) al numero 334. 624. 52. 45. Il richiedente riceverà un sms gratuito di risposta contenente la password temporanea; utilizzando come username il numero del cellulare (comprensivo del prefisso 39) con cui è stata fatta richiesta si può accedere al modulo di domanda.

Seguendo le istruzioni fornite dal modulo informatico guidato si può compilare la domanda ed effettuare modifiche e correzioni. Eventuali informazioni e assistenza possono essere richiesti dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 14-18 al numero 0586/82.09.70.

Una volta compilata ed inoltrata la domanda – seguendo le indicazioni del modulo informatico guidato – i genitori possono scaricarla in formato pdf, salvarla e stamparla, insieme alla ricevuta che ne riporta il protocollo e ne attesta il corretto inoltro. La sintesi della domanda riporta il numero di domanda definitivo che è necessario conservare per la successiva consultazione della Lista dei richiedenti in quanto, ai fini del rispetto dei dati personali, le Liste e graduatorie che saranno pubblicate non riposrtano il nome dei bambini, ma il numero della domanda. Eventuali documenti da allegare alla domanda devono essere invitati, esclusivamente tramite file allegato, entro il termine (ore 13 di sabato 20 giugno), solo ed esclusivamente all’indirizzo email [email protected]

Per i cittadini che dovessero trovare difficoltà a procedere online il Comune rende disponibili 2 postazioni assistite al centro commerciale Fonti del Corallo di via Graziani (dal lunedì al venerdì in orario 13-19 , sabato 13 giugno in orario 10-18 e sabato 20 giugno in orario 10-13) e negli uffici comunali del settore “Educazione e Sport” di via delle Acciughe 5 (tutte le mattine dal lunedì al venerdì in orario 9-13 e nei pomeriggi di martedì e giovedì in orario 15:30-17:30). Si può accedere solo su appuntamento, da prenotare al numero 0586/82.09.70 negli orari 9-13 e 14-18 dal lunedì al venerdì. Presso queste postazioni il Comune garantisce un servizio di mediazione linguistica e culturale per aiutare i genitori stranieri nella comprensione delle informazioni e delle procedure.

Prima di accingersi alla compilazione della domanda di iscrizione assicurarsi di essere in possesso di questi dati:

-codice fiscale del genitore firmatario;

-codice fiscale del/la bambino/a per cui si chiede l’iscrizione

-il codice fiscale dell’altro genitore

-il codice fiscale degli altri figli a carico, conviventi e non conviventi con il bambino/a per il quale si chiede l’iscrizione.

Se un genitore è lavoratore/lavoratrice autonomo/a dee anche essere in possesso di:

-partita Iva propria (e dell’altro genitore, se anche lui autonomo)

-il proprio numero di iscrizione Inps o Ente equiparato (e dell’altro genitore se nella stessa condizione)

-il proprio codie di iscrizione in Camera di Commercio (dell’altro genitore se nella stessa condizione)

-numero di iscrizione all’Albo Professionale (e dell’altro genitore, se entrambi iscritti).

Se un genitore è dipendente, deve essere in possesso di:

-ragione sociale del proprio datore di lavoro (e dell’altro genitore se nella stessa condizione)

-Partita Iva del proprio datore di lavoro (e del datore di lavoro dell’altro genitore se nella stessa condizione)

-l’indirizzo della sede legale del proprio datore di lavoro (e del datore di lavoro dell’altro genitore, se nella stessa condizione)

-il numero di telefono dell’ufficio personale del datore di lavoro (e del datore di lavoro dell’altro genitore, se nella stessa condizione).

Modalità di iscrizione – Le domande devono essere presentate on-line accedendo, tramite internet, alla Rete Civica (www.comune.livorno.it) del Comune di Livorno nella cui home page, da lunedì 8 giugno, sarà presente un link “Bando iscrizione Nidi ed altri servizi educativi”; cliccando si trovano i due links “credenziali di accesso ai servizi on line” e “password temporanea”.
1a) Credenziali di accesso ai servizi on line “Sportello del cittadino”, ovvero un username ed una password che possono essere richiesti:
– tramite PEC (posta elettronica certificata) da inviare all’URP – Ufficio Relazioni con il Pubblico – all’[email protected]
– agli sportelli comunali dell’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico piano terra del Palazzo Comunale, Piazza del Municipio 1) e del Settore “Educazione e Sport” (via delle Acciughe 5, piano 1°) presentando un documento di identità in corso di validità.
N.B. Le credenziali dello “Sportello del cittadino” consentono di accedere a numerosi servizi on line offerti gratuitamente dal Comune di Livorno (es. pagamenti dei bollettini della mensa scolastica, estratto conto della mensa, rinnovo del permesso ZTL, modulistica, cambio domicilio, richiesta di agevolazione/esenzione tariffaria, etc.) tra cui, nel periodo indicato dal presente Bando, la possibilità (per gli assegnatari di posto) di scaricare autonomamente l’Attestato di ammissione Servizio Educativo 0/3.
1b) Password temporanea (durata n.3 giorni), valida per la sola iscrizione ai Servizi Educativi 0/3 che può essere richiesta, tramite cellulare, inviando un SMS  (testo  “zerotre”) al n. 3346245245 . Il richiedente riceverà un SMS gratuito di risposta contenente la password temporanea; utilizzando come username il numero del cellulare (comprensivo del prefisso 39) con cui è stata fatta richiesta, si può accedere al modulo di domanda.
Seguendo le istruzioni fornite dal modulo informatico guidato si può compilare la domanda ed effettuare modifiche e/o correzioni; eventuali  informazioni e/o assistenza possono essere richiesti dal lunedì al venerdì con orario  9/13 e 14/18 al numero 0586-820970  attivo da giovedì 4 giugno 2015.
Una volta compilata ed inoltrata la domanda – seguendo le indicazioni del modulo informatico guidato –  i genitori possono scaricarla  – nella sintesi che riassume quanto hanno dichiarato –  in formato PDF, salvarla e/o stamparla,  insieme alla ricevuta che ne riporta il protocollo e ne attesta il corretto inoltro.
La sintesi della domanda riporta il numero di domanda definitivo che è necessario conservare per la successiva consultazione della Lista dei Richiedenti, (e poi anche dell’Elenco degli Assegnatari di posto, dell’Elenco degli Ammessi o della Lista di Attesa) perché, ai fini del rispetto dei dati personali, le Liste e graduatorie che saranno progressivamente pubblicate, non riportano il nome dei bambini ma il numero della domanda (in sostituzione del nome del bambino).
Eventuali documenti da allegare alla domanda devono essere inviati, esclusivamente tramite file allegato, entro il termine (ore 13 di sabato 20 giugno 2015), solo ed esclusivamente all’indirizzo e-mail [email protected]
Info. Per la compilazione della domanda on-line è disponibile presso l’URP  – Ufficio Relazioni con il Pubblico – in P.za del Municipio una postazione internet gratuita da Lunedì a Venerdì  in orario 9-13 e martedì e giovedì anche 15,30-17,30.

Postazioni assistite
Per i cittadini che dovessero trovare difficoltà a procedere on line il Comune di Livorno rende disponibili n.2 postazioni assistite
1) presso il Centro Commerciale   FONTI DEL CORALLO/ IPERCOOP, via G. Graziani
dal lunedì al venerdì in orario 13-19
sabato 13 giugno in orario 10-18 e sabato 20 giugno in orario 10-13
2) presso gli uffici comunali del Settore “Educazione e Sport” (via delle Acciughe n.5 – piano 1°)
tutte le mattine dal Lunedì al Venerdì in orario 9-13;
nei pomeriggi di martedì e giovedì  in orario 15,30-17,30
a cui i cittadini possono accedere solo  su appuntamento da richiedere al n.0586-820970 a partire da Giovedì 4 giugno 2015   negli  orari 9-13 e 14-18  dal Lunedì al Venerdì.
Presso le postazioni assistite (uffici comunali via delle Acciughe n.5 e Centro Commerciale Fonti del Corallo/ Ipercoop via Graziani) il Comune di Livorno garantisce un servizio gratuito di mediazione culturale e linguistica per aiutare i genitori stranieri nella comprensione delle informazioni e delle procedure.

I genitori dei bambini:
– neonati  che non sono ancora registrati/e nella Banca dati anagrafica del Comune;
– che hanno un genitore (naturale o affidatario) non residente nel Comune di Livorno.
devono rivolgersi  (perché non potranno procedere on line) alla postazione assistita  presso gli Uffici comunali del Settore  “Educazione e Sport” (via delle Acciughe n.5 – piano 1°) sempre previo appuntamento da richiedere al n.0586-820970 da Giovedì 4 giugno 2015   negli  orari 9-13 e 14-18  dal Lunedì al Venerdì.

Indicazioni utili per i genitori – Prima di accingersi alla compilazione  (on-line o presso una postazione assistita) della domanda di iscrizione, assicurarsi di essere in possesso di questi dati:  1.codice fiscale del genitore firmatario, 2. codice fiscale del/lla bambino/a per cui si chiede l’iscrizione 3. Codice fiscale dell’altro genitore 4.codice fiscale degli altri figli a carico, conviventi e non conviventi con il bambino/a per cui chiedi l’iscrizione. Se un genitore è  lavoratore autonomo  deve essere in possesso anche  di a)partita IVA propria (e dell’altro genitore, se autonomo), b)il proprio  numero di iscrizione INPS o Ente equiparato, c) il proprio codice di iscrizione in Camera di Commercio , d) n. di iscrizione all’Albo Professionale (se iscritto/a). Se invece un genitore è un lavoratore dipendente, o ha un rapporto di lavoro di altro tipo, o è in una condizione assimilata, deve invece essere in possesso anche di ragione sociale del proprio Datore di Lavoro (e del Datore di lavoro dell’altro genitore, se nella stessa condizione),Partita IVA del proprio Datore di lavoro (e del Datore di lavoro dell’altro genitore, se nella stessa condizione), l’indirizzo della sede legale del proprio Datore di Lavoro (e del Datore di lavoro dell’altro genitore, se nella stessa condizione), il n. di telefono dell’Ufficio Personale del Datore di Lavoro (e del Datore di lavoro dell’altro genitore, se nella stessa condizione). Per ricevere più velocemente  le informazioni  e le   comunicazioni  che  possono  interessare, si consiglia di inserire nella  domanda  il  proprio  indirizzo email.

Si consiglia inoltre di attivarsi per il rilascio dell’Attestazione ISEE 2015, perché se  il bambino sarà ammesso  in un posto riservato al Comune o in un Servizio Privato convenzionato, questa dovrà essere presentata all’ammissione (luglio) per poter fruire della copertura della retta fin dal mese di settembre.

Riproduzione riservata ©