Nidi e mense, facilitazioni per chi ha Isee in scadenza

Mediagallery

Nidi, sono in arrivo facilitazioni per le famiglie che presentano l’Isee per l’anno scolastico 2014-2015.
La Giunta Comunale, nella sua ultima seduta, su iniziativa della vicesindaco Stella Sorgente con delega alle Attività Educative, ha infatti approvato due importanti modifiche al Disciplinare per la “Contribuzione per i servizi educativi/scolastici e di ristorazione scolastica”.
La prima modifica stabilisce che l’Isee presentato al momento dell’iscrizione (e quindi la collocazione nella relativa fascia di pagamento) abbia validità per l’intero anno scolastico a prescindere dalla data di scadenza dell’attestazione.

“In questo modo – spiega la vicesindaco Stella Sorgente – si eviterà che le famiglie a cui scade l’Isee nel corso dell’anno scolastico possano trovarsi a pagare per qualche mese (dalla scadenza alla presentazione della nuova attestazione Isee) la tariffa massima, così come prevedeva il vecchio Disciplinare. Possibilità, molto concreta, che in passato ha messo in difficoltà le famiglie, rendendo oltretutto difficoltosa per il Comune la riscossione stessa della retta”.

La seconda modifica apportata al disciplinare, relativa alla retta per i nidi (comunali e privati convenzionati) e per il servizio di mensa scolastica, prevede che nel caso in cui le condizioni economiche delle famiglie peggiorino nel corso dell’anno (per perdita del lavoro, separazioni o altre condizioni di disagio sopravvenute), le stesse famiglie potranno presentare domanda, anche nel corso dell’anno scolastico, per accedere ad una fascia ridotta di pagamento.
La nuova domanda di agevolazione (oppure esenzione) dovrà essere supportata da una dichiarazione ISEE aggiornata che dimostri il cambiamento in diminuzione delle condizioni economico-patrimoniali della famiglia. La nuova fascia tariffaria (più conveniente), o l’esenzione, sarà applicata dal mese successivo a quello della presentazione della domanda con nuova Isee allegata.

Le due modifiche del Disciplinare prendono in considerazione casistiche in assoluto non molto diffuse, ma che quando si verificano provocano alle famiglie disagi di non poco conto: disagi burocratici per il rilascio della nuova attestazione Isee, con l’evenutalità, nell’attesa, di pagare rette più alte del dovuto; disagi economici, nei casi in cui il reddito familiare diminuisca in maniera imprevista ma la fascia di contribuzione rimanga inalterata.

Riproduzione riservata ©