100 anni per il volontariato nato sui campi di battaglia

Mediagallery

Il 2015 rappresenta per il Centro di Livorno dell’Associazione Intercultura Onlus un anno importante perché si celebra il centesimo anniversario della nascita di “Afs”, una rete di volontariato che nacque sui campi di battaglia della Grande Guerra grazie ad un pugno di giovani studenti provenienti dalle più prestigiose università degli Stati Uniti d’America, spinti ad impegnarsi sul fronte europeo per aiutare la Francia e il popolo francese.

In breve tempo questi valorosi, benché inesperti, volontari crearono un gruppo di ambulanze per soccorrere i feriti e portarli in salvo dalla tragedia delle trincee.
Proseguendo la loro missione umanitaria per tutto il corso del conflitto e impegnandosi anche durante la Seconda Guerra Mondiale, a partire dagli anni Cinquanta i creatori dell’American Field Service decisero che le operazioni di soccorso al fronte sarebbero dovuto diventare delle operazioni di prevenzione, di creazione della pace attraverso la mutua conoscenza dei popoli e delle culture. Nacquero così le prime borse di studio per trascorrere periodi all’estero e l'”Afs” iniziò a trasformarsi in quella che è oggi la più grande associazione di volontariato rivolta all’educazione interculturale al mondo.

Il centro di Livorno ha deciso di celebrare il Centenario di American Field Service organizzando un incontro che si terrà al Liceo statale “F. Cecioni” di Livorno il 21 marzo 2015 dalle 8:30 alle ore 13. Verranno presentati il documentario realizzato da Rai Storia “Un’Ambulanza Al Fronte” insieme al libro “Dove sta la frontiera?”, scritto da Roberto Ruffino e Stefania Chinzari e alla mostra fotografica realizzata dal professore Francesco Tissoni dell’Università degli studi di Milano. All’incontro parteciperanno gli studenti delle classi quinte del liceo e alcune classi terze dell’Istituto comprensivo “G. Micali” di Livorno.

Riproduzione riservata ©