Due giorni di quiz a base di “mate” e fisica. Ecco i vincitori del Trofeo Enriques

Mediagallery

Pochi assocerebbero discipline come la matematica, la fisica e le scienze col termine divertimento. Eppure in un trofeo, lo sappiamo c’è lotta e agonismo; soprattutto, c’è gioco e il gioco è divertimento. Alla sua seconda edizione, il “Trofeo Enriques” è stata un’occasione di un apprendimento che parte, appunto, dal gioco e dalla competizione.
Alcuni giorni fa dunque, per due ore pomeridiane, si è svolta questa competizione per gli studenti del liceo. In questa gara venti squadre (formate ognuna da 7 alunni del Liceo) si sono affrontate su quesiti di matematica, fisica, chimica e biologia alcuni dei quali proposti in inglese.

Ha vinto il “Trofeo Enriques” la squadra “Ci piacciono le curve” composta dai seguenti alunni: Picardi G. 5D – Briguglio L. 5D – Lenzi L. 5D – Tognotti E. 2 G – Guarnieri A. 2G – D’Arrigo M. 2G – Belloni E. 4 G.
Seconde a pari merito le squadre “Il quadrato sì” (componenti: Borgioli F. 5F – CeccantiL. 1 F- Rizzo A. 5 F – Grassi A. 5 F – Rizzo S. 3 E – Butori F. 2 C – Luise A. 1 C) e “Fibonacci” (Spadavecchia L. 5F – Guido M. 1D – Parlanti M. 5F – Manfredini G. 5D – Tagliati E. – Cenerini C. 1C – Rossi C. 1 D)

La mattina del giorno successivo è stata la volta del “Trofeo Enriques Junior”, dedicato agli alunni delle Scuole Medie. Si sono affrontate 30 squadre ciascuna formata da 6 alunni di scuola media. Le scuole partecipanti di Livorno e provincia sono state: Micali, Bartolena, Mazzini, Borsi-Pazzini, Sacro Cuore, Benedettini, Picchi e Fattori. I team in un’ora e mezzo, si sono battuti su quesiti preparati dai docenti del Liceo Scientifico Enriques. Le domande vertevano su argomenti di matematica, fisica e scienze; alcune delle quali, anche per la gara Junior, proposte in inglese.
Al termine si è classificata prima la squadra “I minimi termini” (Scuola Media Borsi/Pazzini); seconda classificata “I magnifici del Pi Greco” (Scuola Media Borsi/Pazzini) e l’ultima piazza del podio è stata ricoperta dal team “Le Equazioni impossibili” (Scuola Media Bartolena). I premi in palio sono stati offerti dal liceo Enriques e dalle case editrici Garzanti e Zanichelli.

 

Riproduzione riservata ©