Cecioni, alunni a scuola di “cittadinanza attiva”

Mediagallery

Il Liceo Cecioni partecipa al progetto “Le nuove frontiere dell’integrazione”,  promosso dalla Fondazione Casa Cardinale Maffi con lo scopo di creare una rete tra attività educative e riabilitative e territorio e di sensibilizzare le giovani generazioni ai valori della “Cittadinanza attiva”, sviluppando la coscienza della propria identità e nel contempo favorendo la scoperta della ricchezza dell’altro..

Il progetto, cui partecipano le classi del biennio del Liceo Scienze umane, è così articolato. Prevede tre giornate nella Residenza Sanitaria per Disabili di Collesalvetti per la condivisione di alcuni laboratori didattici educativo/riabilitativi guidati dalle diverse figure professionali della Fondazione C.C. Maffi (educatori/ terapisti occupazionali/ terapisti della riabilitazione, musicoterapeuti) con lo scopo di affrontare tematiche di interesse collettivo come la tutela dell’ambiente  ed altre legate all’UNICEF come l’albero dei diritti, la sicurezza alimentare  e la carta dei diritti dell’ONU. Sono previsti laboratori esperienziali come l’orto-sociale con piantumazione e attività di giardinaggio, cucina, riciclaggio, musica e movimento per sviluppare capacità anche sul piano socio relazionale.
Nel progetto è prevista anche una visita alla stazione ecologica, ad aprile, con pranzo presso azienda agricola per promuovere una cultura basata sul rispetto dell’ambiente  e la valorizzazione del nostro patrimonio.
Gli alunni prenderanno anche parte ad un convegno a Livorno il 6 giugno di presentazione non solo dei prodotti realizzati nei diversi laboratori grazie alla creazione di  gruppi misti ( alunni e persone assistite) ma anche per documentare i percorsi “ terapeutici” delle persone coinvolte al fine di dimostrare la validità di esperienze integrate di questo tipo.

“Progetti di questa natura – afferma la dottoressa Arianna Cerretti, responsabile del progetto– sono possibili soltanto grazie proprio alla concertazione tra Comuni,  Aziende Usl, privato sociale no profit  e cooperative sociali che testimonia un’intesa ed una condivisione di intenti ed ha permesso a ciascun partner di crescere non solo sul piano professionale ma anche su quello etico-relazionale, trovando talvolta nelle difficoltà quelle opportunità di miglioramento per garantire servizi alla persona sempre più appropriati e sostenibili”

”Questa esperienza mi è piaciuta molto – spiega Rachele Russo, della classe 1a B Scienze umane che insieme ai compagni  il 27 gennaio ha partecipato al laboratorio sul riciclaggio – soprattutto perché ho conosciuto persone speciali ed ho visto come il personale si comporta nei loro confronti,  facendole sentire non diverse ma migliori. E’ stato bello fare insieme e condividere idee”.

Al progetto, realizzato in collaborazione con la Fondazione L. Scotto di Stagno e la cooperativa sociale  Collecoop, partecipano anche  la scuola media di S.P.Palazzi e la scuola primaria di San Giuliano Terme. Per tutti un’occasione di incontro per la realizzazione di percorsi concreti di inclusione e coesione sociale a favore delle persone con disabilità fisica o psichica, grazie alla creazione di  sinergie importanti sul territorio.

 

 

Riproduzione riservata ©