Buona Scuola, via al referendum abrogativo

Mediagallery

di Roberto Olivato

Forse non tutti lo sanno ma sin dal 24 luglio, anche presso il Comune di Livorno come in tutti gli altri 8047 Comuni d’Italia, è possibile firmare il referendum per l’abrogazione della legge 107/2015 riguardante la nuova riforma della Scuola. Il referendum è organizzato dal comitato “Leadership alla scuola” per il timore fra l’altro che all’interno della legge vi fosse celato l’insegnamento della teoria del Gender, che però l’Avvenire, il quotidiano della Cei, ha dichiarato di non aver ravvisato nella lettura del testo della legge.
A seguito di segnalazioni da parte di alcuni insegnanti che reclamavano la carenza d’informazione circa il referendum, ci siamo recati all’ufficio informazioni dell’anagrafe, presso il quale è possibile firmare il referendum, per sapere come procede la raccolta firme e ci hanno detto che a tre settimane dall’inizio della raccolta si sono presentate poche persone e questo, secondo un’impiegata, per l’assenza di un’idonea pubblicità  che il comitato organizzatore avrebbe dovuto mettere in campo. Effettivamente la poca informazione rischia di rendere vano il referendum che, per essere valido deve assolutamente raggiungere le cinquecentomila firme entro 25 settembre 2015. Chi desiderasse firmare può recarsi all’ufficio informazioni dell’anagrafe dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle 13, mentre per maggiori informazioni sull’iniziativa si può accedere al sito  . www.referendumabrogativoscuola.it

 

 

Riproduzione riservata ©