Sanità, incontro Regione-sindacati. Intesa ad aprile

Accolta la richiesta sindacale di attivare due tavoli di confronto con l'impegno di giungere ad un accordo entro aprile 2016

Mediagallery

Giovedi 28 gennaio Cgil-Cils-Uil Confederali Regionali e della Provincia di Livorno si sono incontrate con l’assessore alla Salute Stefania Saccardi e il Dg della Asl nord-ovest Teresa De Lauretis.
L’incontro, richiesto a novembre, è servito per spiegare le richieste sindacali in ordine alla rete ospedaliera e ai servizi territoriali con particolare riferimento alle Case della Salute. In particolare la delegazione Sindacale ha richiesto alla Regione e alla Dg un impegno per farsi carico della necessità già presente nella Asl 6 di Livorno e riguardante processi di riorganizzazione e sviluppo delle attività assistenziali nella rete ospedaliera e nel territorio e la conseguente valutazione del fabbisogno di personale. Rafforzare i Pronto Soccorso con le relative attività di Breve Osservazione nonché il miglioramento dei percorsi verso il ricovero e la diagnostica. Verificare l’assetto delle Aree Mediche e Chirurgiche nel quadro del mantenimento a Livorno delle specialità di Area Vasta ed a Piombino delle attività specialistiche di secondo livello anche in considerazione del ruolo di servizio che esse svolgono e svolgeranno per il nuovo ambito territoriale Val di Cecina-Val di Cornia e per la Zona dell’Elba. Aumentare l’offerta di posti letto nelle cure intermedie con il potenziamento degli ospedali di Comunità ed Hospice e della Psichiatria territoriale. Valutare le azioni necessarie per il pieno utilizzo dei servizi diagostici ed ambulatoriali al fine di abbattere in modo strutturale le liste di attesa e farsi pienamente carico delle “prime visite”. Sviluppare l’attività di dimissioni protette e delle cure domiciliari. Affrontare e risolvere le criticità presenti nella rete dei laboratori trasfusionali. Procedere alla realizzazione delle Case della salute in tempi e con finanziamenti certi;
Tutto ciò al fine di eliminare il deficit che la ex Asl 6 ha nei confronti delle altre Asl confluite nella nuova azienda Nord-Ovest anche sul versante della stabilizzazione degli operatori che ricoprono funzioni strutturali dell’Azienda;
Al termine dell’incontro la Regione ed il Dg hanno accolto la richiesta sindacale di attivare due tavoli di confronto, uno su Livorno nell’ambito dei produttori di alta complessità ed uno su Piombino con le relazioni di rete con Cecina ed Elba, con l’impegno di giungere ad un accordo entro aprile 2016 con il dichiarato intento di mettere in atto azioni di riorganizzazione,di riqualificazione e di sviluppo prima dell’estate e prima dei nuovi atti di programmazione di Area Vasta. In questo quadro il Dg si è inoltre impegnato, nel rispetto delle intese regionali a non procedere a riorganizzazione dei servizi in modo unilaterale. Cgil-Cisl-Uil rinnovano la richiesta alle conferenze dei Sindaci Zonali per un confronto sulle scelte di programmazione della rete ospedaliera e dei servizi territoriali.

Riproduzione riservata ©