Esami e attese: “Migliorati 4 casi su 5”

Mediagallery

In merito alle recenti polemiche relative alle attese per la fruizione di esami e visite specialistiche, l’Azienda Usl 6 tiene a precisare di aver da tempo avviato una serie di azioni per il miglioramento dei risultati conseguiti. Tale traguardo, pur restando impegnativo in considerazione della crescente domanda di prestazioni, è stato sicuramente avvicinato grazie ai numerosi sforzi compiuti.

Agende sempre aperte. È, prima di tutto, opportuno ricordare che l’Azienda Usl 6, in ottemperanza a quanto previsto dalle normative vigenti, adotta il sistema delle agende Cup sempre aperte che permettono agli utenti di avere un posto disponibile per ogni richiesta e di non essere mai rimandato indietro.

Migliorati 4 casi su 5. Dall’analisi puntuale delle attese risultano chiari i miglioramenti conseguiti, spesso superiori agli stessi obiettivi fissati a livello regionale. Se, ad esempio, osserviamo le prestazioni inserite nel progetto regionale “Liste di attesa” (DGRT 694/14), si rilevano evidenti riduzioni delle attese in 4 casi su 5. In particolare le RM Neuro (attese ridotte del 41% dall’ottobre 2014 al gennaio 2015), gli Ecocolordoppler (riduzione del 35%), Mammografie (30%) e TC body (17%). Solo nel caso delle ecografie non sono stati ottenuti i risultati sperati con attese rimaste praticamente invariate, ma sono in adozione provvedimenti che ovvieranno a breve anche a questa difficoltà

 Per continuare sulla strada del miglioramento l’Azienda si sta muovendo in 2 direzioni:

1)  Crescita dell’offerta. L’Azienda Usl 6 sta aumentando quantità e qualità dell’offerta anche grazie all’acquisizione di macchinari più performanti, ma anche alla scelta di farli lavorare a pieno regime con la collaborazione dei propri professionisti.

2)  Miglioramento dell’appropriatezza. L’aumento dell’offerta non può bastare senza uno sforzo congiunto per il miglioramento dell’appropriatezza della richiesta degli esami: a questo riguardo si sta lavorando alla predisposizione di un nomenclatore specifico da condividere con i Medici di Medicina Generale.

L’Azienda Usl 6, nella consapevolezza delle difficoltà presenti, ritiene che la riduzione delle attese e l’allineamento con quanto previsto dalle normative possa essere raggiunto solo grazie ad uno sforzo congiunto da parte di tutti i soggetti coinvolti nel percorso.

Riproduzione riservata ©