Consegnati due defibrillatori alla Guardia di Finanza

Mediagallery

In un’atmosfera cordiale, in cui il direttore generale dell’Azienda Usl 6 Eugenio Porfido ha ricordato la sua vicinanza alla guardia di finanza legata anche a motivi familiari, si è svolta, all’interno della sala Ceccarini dell’ospedale di Livorno, la consegna di due defibrillatori semi-automatici, rispettivamente alla Stazione Navale di Livorno e alla Sezione Operativa Navale di Portoferraio.
I defibrillatori verranno messi a disposizione delle unità navali della guardia di  finanza, in modo da poter intervenire velocemente in caso di evenienza anche in luoghi maggiormente difficoltosi da raggiungere. La semplicità di utilizzo e la maneggevolezza sono doti che aumentano le possibilità di un efficace intervento, insieme alla formazione di parte di personale specializzato.

L’arresto cardiaco è notoriamente una situazione drammatica molto diffusa e le probabilità di riuscire a salvarsi sono sicuramente legate al pronto intervento. In quest’ottica, la strategia migliore è quella di diffondere la cultura della rianimazione cardio polmonare insegnando alle persone che non fanno parte del campo medico le giuste manovre per mantenere il paziente in vita fino al raggiungimento dell’ospedale, dove verrà poi sottoposto ad ulteriori cure.

La conoscenza è lo strumento fondamentale per poter prevenire drammatici epiloghi, per questo l’Asl, insieme alle varie associazioni di volontariato, si impegna per gestire i processi di formazione, sostenuta dalla Regione, che sostiene economicamente l’impresa. Maggiore è la diffusione di conoscenza, maggiori saranno le possibilità di riuscire a salvare le persone.

Hanno partecipato il sopracitato Eugenio Porfido, Carlo Giustarini, Direttore Sanitario dell’Azienda USL 6, Antonella Valeri, Direttrice Amministrativa,  il Maggiore Roberto Gagliardi, Comandante della Stazione Navale di Livorno, il Luogotenente Angelo Casamento, Comandante della Sezione Operativa Navale di Portoferraio, Maria Rita Dragoni, Responsabile della Centrale Operativa 118, Alberto Genovesi Ebert, Direttore Utic ed Emodinamica, Lara Frediani, Responsabile della Rete anti-infarto dell’Azienda USL 6 e Silvia Bruno, Direttore UO Patrimonio.

 

 

Riproduzione riservata ©