Aamps-Asl-Comune, il 1° luglio sciopero

Mediagallery

Le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil Provincia di Livorno hanno proclamato uno sciopero generale territoriale (dipendenti pubblici e privati) per l’intera giornata del primo luglio 2016 per tutti i lavoratori con sede nei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo.
L’Azienda si scusa anticipatamente con i propri utenti per eventuali disagi nell’erogazione dei servizi sanitari sia territoriali che ospedalieri (esami, ambulatori ecc) e amministrativi (prenotazione esami, Libera Professione ecc) che si dovessero manifestare. Come previsto dalla normativa vigente, saranno comunque garantiti tutti i servizi minimi essenziali previsti per il settore della Sanità e, per quanto riguarda le attività connesse all’assistenza diretta ai degenti, sarà data priorità alle emergenze e alla cura dei malati più gravi e non dimissibili. A tal proposito ricordiamo che i “servizi minimi essenziali” comprendono: 
– il Pronto Soccorso e servizi afferenti legati a problematiche non-differibili della salute dei cittadini ricoverati (turni dei reparti) e non. Di conseguenza anche il personale tecnico per la preparazione dei pasti e degli altri servizi di base;
– servizi di assistenza domiciliare;
– attività di prevenzione urgente (alimenti, bevande, etc..);
– vigilanza veterinaria;
– attività di protezione civile;
– attività connesse funzionalità centrali termoidrauliche e impianti tecnologici;
– vari.

Aamps informa che le organizzazioni sindacali Fp Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti hanno indetto per venerdì 1 luglio uno sciopero generale di 24 ore di interesse per i lavoratori dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo. I servizi erogati dall’Azienda, pertanto, potranno subire rallentamenti o non essere realizzati (vuotatura cassonetti, raccolta rifiuti “porta a porta”, ritiro degli ingombranti, ecc.). In tale occasione gli sportelli a disposizione del pubblico (compresi gli uffici Tari in via Marradi e il call center del numero verde 800-031.266) potranno risultare chiusi o parzialmente attivi. Analoga condizione per i centri di raccolta “Picchianti” in via degli Arrotini e “Livorno Sud” in Via Cattaneo. I servizi pubblici essenziali, invece, come la raccolta dei rifiuti presso i mercati ambulanti e non, gli ospedali e le caserme, saranno garantiti. Ci scusiamo anticipatamente con la cittadinanza per gli inevitabili disagi che potranno essere arrecati. La regolarità nell’erogazione dei servizi sarà ripresa al termine dello sciopero. Per eventuali emergenze contattare l’Azienda attraverso il numero telefonico 0586/416.200.

Le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato per l’intera giornata di venerdì 1 luglio uno sciopero generale territoriale (area di Livorno, Collesalvetti e Rosignano) di tutti i lavoratori del comparto pubblico e privato. È prevista anche una manifestazione con corteo per il lavoro, con concentramento alle ore 9 in piazza della Vittoria. Il giorno dello sciopero non sarà garantito il regolare funzionamento dei servizi comunali, salvo quelli minimi essenziali:

– Stato civile: denunce nascita e morte;

– Servizi cimiteriali: ricevimento salme;

– Polizia Municipale: centrale operativa e pronto impiego.

Le famiglie che usufruiscono dei nidi e delle scuole d’infanzia comunali saranno informate (tramite locandine affisse presso ciascuna struttura scolastica) che il servizio non potrà essere garantito.

 

Riproduzione riservata ©

13 commenti

 
  1. # AnToNIO

    Avete rotto! Ho sempre visto scioperi o di venerdì o di lunedì…una volta si chiamava ponte,ora si chiama sciopero!

  2. # MAIROSSO

    DI VENERDI GUARDA CASO…. CHE REDIOLI!!

  3. # Mario

    Lavoro in ASL da circa 30 anni: zero scioperi. La forma migliore per evidenziare problematiche, quando il sindacato non basta, la divulgazione mediatica, fatto di cui molti dirigenti sono assai sensibili.

  4. # Cassaintegrato

    Che p…e con questi scioperi….il primo luglio?
    Fate cosa vi pare tanto vado a creta alla faccia di voi che scioperate.

  5. # mewat

    infatti l’ospedale il sabato e la domenica è chiuso e chi ci lavora sta a casa

  6. # Mauro

    Il ponte è a gratisse, lo sciopero si paga.

  7. # Mauro

    Perché volete far credere che lo sciopero sia solo dei dipendenti della sanità? Che interessi avete?

  8. # Mauro

    continua così, zero scioperi, ma poi non lamentarti se il tuo contratto non viene rinnovato da 7 anni, se i tuoi diritti di lavoratore vengono puntualmente calpestati, continuate pure a comportarvi come tanti pecoroni.

  9. # stefano

    boia cassaintegrato e vai a Creta???beato te……e poi ci si lamenta che non ci sono soldi!!belle mi braccia rubate all’agricoltura!!

  10. # Cassaintegrato

    Nel privato se non lavori sodo non riscuoti e se non fai la formica al momento della c.i. non mangi…cosa che ai dipendenti pubblici non succede

  11. # ale

    Siete redioliiiiiii……e dovete anda’ a lavora’ o vagabondi!!!!!!!… Siamo sommersi dalla spazzatura!!!!….garberebbe a tutti lavorare cosi!!!….cgil cisl e uil da vergognarsi!!!!

  12. # per la precisione

    Lo sciopero è generale di tutte le categorie pubbliche e private, non solo AAMPS, ASL e Comune, questo per la precisione. Ma forse qualcuno ha interesse a sparare sul pubblico impiego?

  13. # Libero

    Chissà perché è stato scelto proprio il giorno di venerdì per fare sciopero. Mah?!?!?

I commenti sono chiusi.