Meteo Fonti Rinnovabili. Il maltempo manda in “down” la produzione di energia

Mediagallery

Meteo delle Fonti rinnovabili con Ealp. Ecco di seguito i dati della settimana dal 7 – 14 novembre 2014

  Energia solare da fotovoltaico:

Gran brutta settimana quella appena passata ed oltre ai gravi danni a causa delle alluvioni e del maltempo in generale..ne risente anche la produzione di energia da solare

Parlando della Regione Toscana, una famiglia standard che ha installato i pannelli fotovoltaici sul tetto di casa ha potuto coprire le seguenti percentuali rispetto ai propri fabbisogni energetici, alimentando dunque non soltanto tutti i consumi elettrici di casa propria ma anche abbondantemente quelli del vicino!

Capraia Isola 65% – Firenze 46% – Marciana Marina 46% – Grosseto 50% – Livorno 62%  (dati ancora in forte ribasso alle precedenti settimane, quasi dimezzati)

Dunque laddove le percentuali sono inferiori al 100%, significa che con il sole che c’è stato, sono stati coperti alcuni consumi della famiglia in questione(ad esempio illuminazione ed elettrodomestici) e quindi il resto dell’energia necessaria è stato fornito dalla rete.

Da ricordare che ci riferiamo sempre ad una famiglia standard che ha installato un impianto fotovoltaico da 3 kW di picco con orientamento a sud e inclinazione di circa 18° rispetto all’orizzontale nella nostra zona.

Le percentuali più alte di copertura fabbisogno energetico per una famiglia si sono registrate nell’Italia centro meridionale dove si sono avute % ancheabbondantemente superiori al 50%

Valore più basso Trieste 27% e Venezia 30%

  Energia solare termica:

Anche per il solare termico i valori sono in ribasso…. Tuttavia chi ha i pannelli solari in casa puo ancora confidare nell’acqua scaldata dal sole per farequasi la metà delle docce calde, facendo lavorare a basso regime la caldaia o il boiler.

Cosa significa questo?

Per un impianto standard di pannelli solari termici (termici significa che sfruttano il sole per produrre calore), la percentuale di copertura del fabbisogno di acqua calda la scorsa settimana, in Provincia di Livorno (Toscana) è stata varia da un minimo di 19% registrato a Firenze ad un massimo di 44% per Livorno e Capraia. L’irraggiamento solare della settimana che è appena passata dunque ha fatto sì che una famiglia, che ha installato i pannelli solari termici sul proprio tetto di casa, ha potuto riscaldare una parte dell’acqua per fare alcune docce calde, il resto dovrà farlo la caldaia…

L’acqua è stata dunque riscaldata dal sole e non dalla caldaia a gas, che avrebbe immesso CO2 in atmosfera, e consumato gasolio o gas oppure per chi usa lo scaldabagno elettrico avrebbe consumato energia elettrica

Da ricordare che parliamo sempre di una famiglia standard formata da 3 persone che usano in media 60 l di acqua al giorno ciascuno a 40 °C.

 Energia eolica:

Settimana abbastanza ventosa per la Toscana!

Per l’eolico il meteo delle rinnovabili ci aiuta a capire quanta energia è stata prodotta grazie al vento che c’è stato negli ultimi sette giorni, in base alla produzione, per esempio, dei parchi eolici installati in Toscana (il dato è disponibile anche per tutte le altre regioni e per l’Italia).

Questo indicatore fa riferimento al numero di abitazioni che hanno ottenuto energia elettrica grazie al vento e che sono equivalenti ad una precisa zona geografica (un comune, più comuni, una provincia etc).

Ad esempio: questa settimana, i parchi eolici presenti in Toscana (potenza totale installata di 46 MW) hanno prodotto una quantità di energia elettrica tale da coprire il fabbisogno settimanale di 57.000 abitazioni che corrispondono a 3.600 MWh di energia elettrica prodotti.

Questo valore equivale all’energia che serve per soddisfare i fabbisogni di più di un terzo delle abitazioni presenti nel comune di Livorno.

*******************************************

Si ricorda che potete seguirci su:

www.meteorinnovabili.it (per i dati in Italia)

www.energizair.eu (per i dati europei)

Riproduzione riservata ©