Buona notizia. Livorno e il suo cacciucco alla ribalta sulla Bbc, troupe in città

Mediagallery

Livorno, le sue tradizioni culinarie e la sua cultura saranno protagonisti di una trasmissione dedicata ai luoghi della cucina italiana che andrà in onda in autunno sulla Bbc. Lo chef Giorgio Locatelli, in giro per l’Italia con la sua troupe, è stato a Livorno nei giorni scorsi, unica città per la Toscana, per girare una puntata dedicata al re dei piatti tipici livornesi, ovvero il cacciucco. Ad accoglierlo e guidarlo alla scoperta della città e dei suoi sapori sono stati i rappresentanti dell’Associazione Cacciucco e l’assessore provinciale al turismo Paolo Pacini.

Il famoso chef, che a Londra gestisce la Locanda Locatelli, uno dei migliori ristoranti italiani della metropoli, era rimasto letteralmente affascinato dal cacciucco che aveva gustato in occasione dell’ultima edizione del Salone Slow Fish di Genova, dove l’Associazione livornese aveva riscosso un notevole successo proponendo proprio il cacciucco cucinato sotto gli occhi dei visitatori. La troupe ha effettuato molte riprese al Mercato Centrale, dove Locatelli ha acquistato il pesce che ha poi cucinato con l’aiuto dei cuochi dell’Associazione Cacciucco.
Nella trasmissione non mancheranno i luoghi della cultura, in particolare quelli della tradizione pittorica dei Macchiaioli che Locatelli ha potuto filmare nella visita fatta al Museo Fattori. La trasmissione farà parte di un ciclo puntate che andrà in onda su un canale specializzato sulla cucina della BBC, seguito, in particolare a Londra, da oltre 12 milioni di telespettatori. “Lo chef Locatelli è un vero e proprio ambasciatore della cucina italiana nel mondo – sottolinea l’assessore Pacini – sia perchè le sue ricette si trovano nei menù di famosi ristoranti, sia per le sue trasmissioni televisive, che hanno fatto conoscere la buona cucina della nostra tradizione agli inglesi. Per Livorno, quindi, si tratta di un bel biglietto da visita per invogliare i turisti inglesi a fare una visita da queste parti e provare di persona i piatti tipici del territorio”.

Riproduzione riservata ©