Al Buontalenti il primo corso di Protezione civile organizzato dalla Provincia

Mediagallery

La Protezione civile entra nelle scuole superiori con il primo corso organizzato dalla Provincia all’ITG Buontalenti di Livorno. I contenuti dell’attività formativa sono stati illustrati dall’assessore Maria Teresa Sposito nell’incontro organizzato presso la sede della Protezione civile provinciale. “Sono particolarmente lieta di questa iniziativa – ha detto Sposito – perché rappresenta un importante tassello verso la diffusione di una maggiore consapevolezza, anche tra i giovani, su come affrontare le situazioni di rischio, non solo nei casi di eventi calamitosi, ma anche nei normali contesti della vita quotidiana in cui ci si trova a contatto con un numero elevato di persone, come per esempio la stessa scuola, lo stadio, una discoteca, etc. Sapere come comportarsi quando si presentano situazioni di difficoltà, ressa o panico, in alcuni casi può salvare la vita”.

I corsi, che interesseranno gli studenti di due classi terze e due quarte, sono organizzati dalla Protezione civile provinciale in collaborazione l’Istituto scolastico, il comando provinciale dei Vigili del Fuoco e le associazioni di volontariato Svs, Misericordia e Croce Rossa. “L’obiettivo – ha sottolineato il responsabile della U.O. Protezione Civile Angelo Mollo – è proprio quello di fare prevenzione aiutando i ragazzi a saper individuare i rischi del proprio ambiente, per ridurne la gravità e contemporaneamente prepararsi a fronteggiare l’eventuale emergenza attraverso metodologie di soccorso”.
Le lezioni, che prenderanno il via il prossimo 24 marzo, verteranno, in particolare, sulla conoscenza del sistema di Protezione civile, sulla difesa e la prevenzione dei rischi sul territorio livornese, la struttura geomorfologica del territorio legata al rischio sismico e industriale. Specifiche lezioni saranno dedicate alle tecniche di primo soccorso, a come comportarsi nelle varie situazioni, utilizzando anche mezzi di fortuna, a come affrontare e “neutralizzare” il panico. Le attività formative si concluderanno con una esercitazione pratica, che si svolgerà prima della fine dell’anno scolastico. “Un’opportunità importante per i nostri ragazzi – ha sottolineato la vice preside del Buontalenti, Alessandra Sian – sia per la loro crescita individuale, sia come bagaglio di esperienze e competenze che potranno acquisire”.
Nel sistema della Protezione civile un ruolo di primo piano è quello svolto dalle associazioni di volontariato. “Per questo – ha aggiunto l’assessore Sposito – abbiamo voluto che questi soggetti fossero partecipi del percorso formativo, perché i ragazzi si rendano conto dell’importanza di chi si mette al servizio del prossimo in maniera disinteressata, garantendo aiuto e sostegno spesso in situazioni di estrema difficoltà”.

Riproduzione riservata ©