Un seminario per capire sempre di più delle banche

Mediagallery

Accesso al credito ancora problematico per le aziende della provincia di Livorno. Secondo i dati Eurisc, il sistema Crif di informazioni creditizie, nel primo trimestre 2015 il dato aggregato della domanda di imprese individuali e società ha fatto registrare una contrazione pari a meno 4,3% rispetto allo stesso periodo del 2014.
“Mai come ora è evidente il controsenso. – afferma Alberto Rricci, Presidente di Confindustria Livorno – Anche a seguito degli interventi della Bce, la liquidità abbonda sul mercato, mentre permangono per molte imprese le difficoltà di accedere al credito, col pesante rischio di mancare l’appuntamento con la ripresa economica”. “Dopo otto anni di crisi, – prosegue Ricci – i rating delle aziende sono peggiorati e in conseguenza di ciò le banche chiedono tassi più alti, oltre a essere costrette ad accantonare rilevante liquidità per compensare il rischio”.
Assume quindi valore essenziale, per le imprese, la capacità di farsi “leggere” correttamente dal sistema bancario, mettendo in luce i propri fattori critici di successo.
A questo proposito la Centrale Rischi Banca d’Italia assume un ruolo fondamentale come biglietto da visita dell’azienda nei confronti del sistema creditizio. Altrettanto importante il bilancio d’esercizio, dal quale si determinano gli indicatori che esprimono lo stato di salute dell’azienda.
Tutti questi argomenti saranno approfonditi nel seminario “La lettura del bilancio aziendale da parte della banca, formazione del pricing e ruolo della centrale rischi”, che Confindustria Livorno e Cassa di Risparmio di San Miniato organizzano presso la sede di Confindustria Livorno, via Roma 54, Livorno, giovedì 14 maggio alle 15
Dopo l’apertura dei lavori di Alberto Ricci, Presidente di Confindustria Livorno, i lavori proseguiranno con la relazione di Andrea Nannelli, responsabile del Servizio Commerciale Corporate e Estero di Carismi, il quale dimostra una grande apertura nei confronti delle Imprese e degli Imprenditori attraverso queste parole: “Sono fermamente convinto che la crescita e il successo della nostra banca e del sistema bancario in generale dipenda dalla ripresa dell’economia ed in particolare dalla crescita del sistema delle Pmi. La banca e l’impresa non sono entità in contrapposizione ma due realtà complementari. Un dialogo più costruttivo e maggiore trasparenza nei rapporti possono contribuire a capirsi meglio e a stabilire un percorso comune di sviluppo economico. Unendo le forze possiamo farcela.”
Il seminario terminerà con un intervento di Roberto Giovanelli, partner di L.M. Consult Srl.
La partecipazione è libera.

Riproduzione riservata ©