Trw, volantinaggio e presidio. Negozi chiusi in centro. “Sostenere le fabbriche un dovere”

Mediagallery

Si sono ritrovati (almeno 800 le persone), questa mattina, davanti ai cancelli della Trw. Uniti più che mai (come di consueto è possibile cliccare sul link in fondo all’articolo per visualizzare le immagini della fotogallery e leggi qui l’intervento di Confcommercio e Confesercenti). Agenzia Espressi, Asa, Neri, Trelleborg e persino una rappresentanza della Lucchini di Piombino e della Continental di Pisa. Centinaia i lavoratori accorsi da tutta la città e non solo per “salutare” i colleghi dello stabilimento di via Enriques in partenza per Roma dove oggi è previsto un incontro fra i vertici dell’azienda e il vice ministro all’economia. Sul tavolo il futuro dello stabilimenti di componentistica auto e conseguentemente il futuro di 413 famiglie. Una volta partita la delegazione, si sono formati due gruppi: uno è rimasto a presidiare i cancelli della fabbrica, mentre un altro nutrito gruppo si è diretto all’incrocio fra via Firenze e via Enriques per distribuire volantini agli automobilisti di passaggio. La situazione è assolutamente pacifica. L’intento dei lavoratori è quello di sensibilizzare la cittadinanza sulla crisi della Trw e più in generale sulla grave situazione occupazionale cittadina (vedi Cooplat).
Negozi chiusi in pieno centro per solidarietà – Intanto in via Ricasoli alcuni negozi hanno abbassato la saracinesca per mezz’ora questa mattina, dalle 11,30 alle 12, e lo faranno anche nel pomeriggio (dalle 16,30 alle 17) in segno di solidarietà per i lavoratori della Trw. Stessa iniziativa di Coop che ha aperto i vari punti vendita alle 8,30 anziché alle 8.
L’impegno della Regione –L’assessore alle attività produttive credito e lavoro della Regione, Gianfranco Simoncini, ribadisce con forza il sostegno della Regione ai lavoratori contro l’ipotesi di chiusura annunciata dai vertici aziendali. “La decisione del board di TRW di voler chiudere lo stabilimento di Livorno è inaccettabile. Non si può infatti non tener conto di tutti gli sforzi compiuti, con grande senso di responsabilità, da parte dei lavoratori che hanno contribuito a più riprese ad innalzare la produttività dello stabilimento, sulla base di accordi sindacali, recependo le richieste dell’azienda. Impegno che ha fatto dello stabilimento di Livorno, anche a detta del gruppo dirigente di TRW, uno dei più efficienti e competitivi del gruppo”.

Riproduzione riservata ©