Gabbiani in Fortezza Vecchia. L’Authority corre ai ripari

Mediagallery

Gabbiani in forte crescita a Livorno. Sono ormai diverse centinaia. I più grandi uccelli della città. Se fino a quindici anni fa li vedevi per lo più raffigurati nei quadri dei pittori della domenica, o ne avvistavi al massimo qualcuno intento a raggiungere le discariche dell’entroterra, adesso sono diventati il corredo alato della Fortezza Vecchia, eletta a rifugio abituale nel periodo della deposizione delle uova e dello svezzamento dei piccoli.

La cosa potrebbe far sorridere ma in pochi anni la flotta aerea di questa sorta di aeronautica naturale è aumentata notevolmente. A Livorno si stimano 250-380 coppie. Durante la nidificazione, i gabbiani diventano particolarmente apprensivi, determinatissimi a difendere la prole da quelli che considerano intrusi vicino al nido e potenziali predatori.

Per gestire in maniera ecologica e del tutto incruenta la situazione, l’Autorità Portuale di Livorno ha sviluppato assieme alla Lega Italiana Protezione Uccelli (Lipu) un progetto che intende migliorare la convivenza tra gabbiani e persone. Sono infatti stati posizionati dei dissuasori di appoggio che dovrebbero indurre gli uccelli a nidificare nelle zone meno frequentate della Fortificazione. Inoltre sono previste attività di informazione e sensibilizzazione rivolte ai turisti. Parallelamente, dal 21 aprile al 29 maggio si svolgerà una serie di incontri aperti al pubblico (quota di partecipazione 5 euro) sulla natura in città, l’osservazione degli uccelli, il birdwatching e la gestione delle specie più “problematiche”.

“Per ritrovare una adeguata convivenza con questi volatili – ha sottolineato Marco Dinetti, responsabile nazionale ecologia urbana della Lipu – è necessario far circolare tra i cittadini le corrette informazioni sulla biologia e le abitudini dei gabbiani, evitando allarmismi e “leggende metropolitane”. Con il supporto dell’Autorità Portuale, che ha affrontato la questione con grande sensibilità, stiamo poi usando opportune tecniche di gestione del fenomeno della nidificazione, che dovrebbero migliorare la situazione in Fortezza”.

 

 

Riproduzione riservata ©