Trw. Nogarin: “Stiamo facendo del nostro meglio”

Mediagallery

Il sindaco Filippo Nogarin ha incontrato martedì 8 settembre in Sala Giunta una delegazione di lavoratori livornesi appartenenti a varie categorie, con una nutrita rappresentanza di ex operai Trw.
Nodo centrale dell’incontro sono state le richieste dei lavoratori riguardo alle iniziative politiche in atto relative al problema occupazione e degli ammortizzatori sociali in scadenza per molti lavoratori.
Il Sindaco ha ricordato le azioni fin qui intraprese nel tentativo di ottenere risposte concrete sia a livello nazionale che regionale, attraverso reiterate richieste di incontri all’assessore regionale Simoncini sulla vertenza Livorno relative agli ammortizzatori sociali, e lettere inviate al Ministero del Lavoro per richiedere un’integrazione all’Accordo di Programma.

“Il 29 maggio ho scritto al ministro Poletti – ha dichiarato il sindaco – chiedendo un prolungamento degli ammortizzatori sociali, limitato magari alle sole aree di crisi complessa; una misura temporanea e straordinaria che avrebbe sulla finanza pubblica un impatto certamente minore rispetto ad un uso generalizzato, ma che rappresenterebbe per queste aree un elemento di sostegno a tante famiglie in difficoltà. Purtroppo, ad oggi, non ho ottenuto alcuna risposta, nonostante il sollecito fatto il 22 giugno”.
Tra le questioni affrontate, in primis quella dell’area ex Trw su cui grava la questione della bonifica ambientale la cui responsabilità ricade interamente sulla proprietà di Fiat partecipazioni.

“Come mi ha confermato il Ministro all’ambiente Galletti nel corso di un recente incontro, anche se quest’area anziché privata fosse pubblica, il Ministero non potrebbe intervenire in alcun modo in quanto la trasformazione da SIT a SIR ne attribuisce la competenza esclusivamente alla Regione” ha chiarito il sindaco che ha comunque ribadito l’impegno a chiedere sostegno alla Regione nella mediazione con la proprietà.
Fondamentale è, per il sindaco, portare sul territorio livornese progetti e sviluppo, elementi indispensabili per scongiurare nuove delocalizzazioni di industria e di servizi.

“Stiamo facendo del nostro meglio per cercare di dare una risposta a tanti lavoratori e famiglie in difficoltà – ha detto Nogarin al termine dell’incontro – In questa direzione va anche il progetto di Lavori di Pubblica Utilità, che abbiamo attivato in collaborazione con i comuni di Collesalvetti e Rosignano, e del quale siamo capofila. Il progetto prevede un’azione congiunta atta ad incrementare l’occupazione, facendo fronte a esigenze straordinarie e favorendo processi legati all’attrattività e allo sviluppo economico del territorio. Tuttavia – ha puntualizzato – non possiamo non registrare, tra i vari attori pubblici che partecipano al progetto, l’assenza dell’Autorità Portuale, firmataria dell’Accordo di programma che, ricordo, spinge in modo quasi esclusivo proprio sul settore della portualità, al quale è destinata la maggior parte dei fondi economici”.
Passi successivi sul percorso di confronto e dialogo in tema di lavoro e occupazione sono imminenti. Intanto, in occasione dell’incontro della cabina di regia per l’accordo di programma convocato dalla presidenza della regione per il prossimo 23 settembre, il sindaco si farà promotore di un tavolo di lavoro cittadino al quale saranno chiamate a partecipare anche le confederazioni sindacali. L’intento è quello di aprire una discussione stabile sul tema lavoro che non riguardi solo il comparto metalmeccanico, ma sia esteso a tutte le altre tipologie di lavoratori.

Infine, il sindaco si è reso disponibile ad accompagnare i lavoratori se, come hanno dichiarato, intenderanno portare direttamente sul tavolo della Presidenza della Regione le proprie istanze “Chiederemo ancora una volta un emendamento all’accordo di programma. Sebbene questa non sia una materia strettamente di competenza di un sindaco – conclude Nogarin – non posso che sentirla molto più che mia. C’è in ballo il futuro di tante famiglie” .

Riproduzione riservata ©