Autisti in corteo con la “carovana regionale”

Mediagallery

di Giulia Bellaveglia

Nel nostro paese più dell‘85% delle merci viaggia su strada, proprio per questo motivo è importante che il settore dei trasporti funzioni in maniera corretta.  A sostegno degli autisti e con l’intento di far emergere le problematiche legate a tale ambito la Filt – Cgil Regionale Toscana ha organizzato per la giornata di sabato 28 maggio una manifestazione-corteo dal titolo “Con-voi! Carovana regionale per il personale autista“.
L’iniziativa tratterà numerose tematiche tra cui la promozione della legalità su tutti i territori, il monitoraggio delle malattie professionali, il riconoscimento del lavoro usurante, la parità di trattamento di tutti i lavoratori dei trasporti e il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro merci, logistica e spedizioni.
In collaborazione con Inca (Istituto Nazionale Confederale di Assistenza) è stato redatto un questionario, già in circolazione e disponibile in quattro lingue (italiano, inglese, francese e rumeno)al fine di censire le malattie usuranti, spesso nascoste dai lavoratori per la paura di perdere il posto di lavoro.

Altra novità è quella Fair Transport Europe che si propone di garantire la parità di trattamento dei lavoratori indipendentemente dal loro paese di origine. “Specialmente i lavoratori che provengono dall’est Europa accettano spesso lavori che sono sottopagati pur di riuscire a guadagnare qualcosa. L’intento del progetto è quello di eliminare in tutto e per tutto lo sfruttamento nel lavoro”, ha affermato Maria Luisa Lironi, segretaria del dipartimento della logistica e dei trasporti della FILT – CGIL. Le istituzioni, le associazioni, i cittadini e i lavoratori potranno sostenere l’iniziativa su https://www.fairtransporteurope.eu/, portale sul quale è possibile procedere alla raccolta delle firme.

“La manifestazione riguarda sia il personale autonomo che quello dipendente- spiega Giuseppe Gucciardo, responsabile del dipartimento della logistica e dei trasporti della Filt – Cgil-  Non a caso, lo scopo è proprio quello di garantire a qualsiasi lavoratore le parità dei diritti e delle tutele.”

 

Riproduzione riservata ©