Darsena, bando a luglio. Nogarin critico

Ma il sindaco esprime perplessità sullo studio della Ocean Shipping Consultants. Provinciali: "Se Nogarin ha un’idea diversa di porto, prepari un report di pari dignità scientifica"

Mediagallery

Lo studio di OSC si conclude con tre righe: Livorno non ha nessuna scelta. O si sviluppa per incontrare i bisogni dello shipping o diventa nulla, nothing, se non un porticciolo di nicchia adatto a navi di piccola dimensione.

Partono da qui, dalle osservazioni finali dei tecnici della Ocean Shipping Consultants, le riflessioni che il presidente dell’Authority, Giuliano Gallanti, consegna ai membri del Comitato Portuale. Quel “nothing” scorre a piene lettere sullo schermo del videoproiettore installato nella sala riunioni di Palazzo Rosciano, gremita più del solito per via della presenza eccezionale del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, interessato a seguire con attenzione tutto l’iter che di qui a sei, sette, anni porterà alla realizzazione della opera di ampliamento a mare del porto di Livorno, l’infrastruttura considerata da tutti fondamentale, quella che dovrebbe risollevare le sorti di uno scalo altrimenti condannato alla marginalità.

NOGARIN PORTOIl dossier non convince il sindaco – La convocazione straordinaraia del Comitato era stata sollecitata nei giorni scorsi proprio da Nogarin per conoscere gli esiti del dossier della Ocean Shipping Consultant, la società di consulenza alla quale la Port Authority si era rivolta per valutare la sostenibilità del progetto Darsena Europa.
“Sono riconoscente all’Autorità portuale per aver convocato il Comitato portuale e per aver messo a disposizione dei suoi membri già da due giorni il dossier della Ocean Shipping Consultant – ha dichiarato il sindaco – ho però alcune perplessità riguardo ai dati emersi dall’analisi effettuata, dei quali darò presto conto in un documento dedicato.
L’Amministrazione non intende bloccare in alcun modo il porto, vogliamo con tutte le nostre forze che quello di Livorno diventi il più importante del Mediterraneo, ma per far questo occorrono analisi previsionali attendibili e la massima fiducia e competenza delle persone preposte a lavorare al progetto.
Invece – chiarisce Nogarin entrando nel vivo del dossier – abbiamo a che fare con dati privi di legittimità sui quali ci giochiamo il futuro stesso del porto. Abbiamo pagato una società di consulenza fino a cinque volte di più di quanto avremmo riconosciuto ad altri operatori di mercato per un piano di ingegnerizzazione finanziaria e, paradossalmente, il documento esordisce dicendo che non si tratta in alcun modo di questo.
NOGARIN PORTO SINDACO Abbiamo approvato in fretta e furia un PRP che prevede fondali di banchina a meno di 18 metri, nonostante avessimo espresso gravi perplessità sulla possibilità che, senza questo indispensabile requisito, Livorno avrebbe mai potuto diventare in futuro, un potenziale hub di contenitori del Mediterraneo. Oggi, tra le pagine di un rapporto a nostro avviso comunque insufficiente, Ocean Shipping Consultant ribadisce chiaramente come un fondale che non sia di almeno 18 metri di profondità rischi di vanificare ogni prospettiva di sviluppo portuale, definendolo “future proof” , a prova di futuro”.
“Su questa criticità si allinea anche Rossi, concordando pienamente sulla necessità che i fondali siano previsti da subito ad almeno 18 metri di profondità, rincarando la dose davanti ad una A.P. attonita, chiedendo quale siano le ragioni per cui un porto come Piombino abbia i fondali a meno 20 metri e dopo tutti questi anni di studi si proponga ancora per Livorno una quota che la porrebbe fuori dalle rotte delle grandi navi. Dove troveremo le risorse per scavare ulteriormente, dove collocheremo i fanghi? Questo – conclude Nogarin – rappresenta un colpo fortissimo al PRP appena approvato”

GALLANTI MASOL PORTOGallanti: “Per il porto non ci sono altre via d’uscita” – Gallanti ha usato proprio la parola “marginalità”, ricordando che per il porto attuale non ci sono altre vie d’uscita, non c’è, insomma, una terza via. Di questo erano consapevoli anche i membri del comitato, a partire dallo stesso Rossi, che ha rimarcato la necessità di stringere sui tempi. Salvo contrattempi, infatti, ci vorranno almeno due anni prima di poter iniziare a mettere la prima pietra in cantiere: dieci mesi serviranno per individuare l’investitore privato e ad occhio e croce ne serviranno altri dieci per redigere il progetto definitivo e la valutazione di impatto ambientale. «Oggi siamo tutti qui per cercare di far diventare Livorno uno tra i porti più importanti d’Europa – ha detto il numero uno della Regione Toscana -; abbiamo investito molto come Regione su questo project financing e ci crediamo».

sindaco e rossiRossi:” Il Governo ci crede. Ecco perché” – Per Rossi il fatto che lo Stato abbia promesso di contribuire con 50 milioni di euro alla realizzazione dell’opera è di per sè significatico: «Vuol dire – ha spiegato – che il Governo crede nel progetto e ci invita a procedere speditamente. Per questo chiedo al presidente Gallanti di accelerare e di impegnarsi a pubblicare il bando di gara entro luglio».

“Bisogna far presto” -L’invito a fare presto è stato accolto non soltanto dal primo inquilino di Palazzo Rosciano, che si è impegnato ad avviare già a giugno la fase di scouting (la fase esplorativa con le missioni promozionali all’estero), e ad arrivare a fine luglio con l’indizione del bando di gara per la ricerca del promoter, ma da tutta la comunità portuale. Con un’unica eccezione. Quella rappresentata dal sindaco della città dei Quattro Mori, Filippo Nogarin, che ha sollevato alcune preplessità con riferimento ai contenuti degli studi di analisi competitiva e di ingegnerizzazione finanziaria, criticando persino le modalità con cui l’Autorità Portuale ha affidato all’ATI Ocean Shipping Consultants- D’Appolonia l’incarico di redigere gli studi.

«Il report è di dubbia qualità ed è costato troppo alla collettività, più del doppio rispetto al costo medio degli studi oggi in circolazione», sono state, in estrema sintesi, alcune delle accuse che il primo cittadino ha lanciato contro i vertici dell’Autorità Portuale.

provinciali2Provinciali: “Le affermazioni del sindaco sono gravi” – «Le affermazioni del sindaco sono gravi – ha risposto il segretario generale, Massimo Provinciali – lo studio, così come ogni prodotto dell’intelletto che riguarda il genere umano, è migliorabile, ma come responsabile della macchina amministrativa dell’Ente non posso tollerare che si sospetti che l’Autorità Portuale sia venuta meno al principio della trasparenza e della legalità. Se Nogarin ha una idea alternativa di sviluppo del porto a quella della Ocean Shipping Consultants, presenti uno studio che abbia un livello di dignità scientifica pari a quello che abbiamo oggi presentato».

In Comitato Portuale si sono tutti espressi perché si proceda speditamente con l’iter di realizzazione della Piattaforma Europa.

«Se ciò che è stato presentato – ha detto il rappresentante degli imprenditori, Umberto Paoletti, riferendosi al report della OSC – non risponde ai desiderata del sindaco, mi aspetto che lo stesso si faccia carico di predisporre una proposta alternativa che abbia la stessa portata e le stesse caratteristiche. Per intanto, si vada avanti con la massima sollecitudine, senza sollevare ulteriori obiezioni».

IL NEO PRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO COSTALLI

IL NEO PRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO COSTALLI

«Provo fastidio – ha detto il presidente della Camera di Commercio, Sergio Costalli –un fastidio che genera preoccupazione per il futuro. Se non siamo uniti, se tutti assieme non teniamo la barra a dritta sull’importantissima partita della Piattaforma Europa, rischiamo seri guai. I tempi devono essere rispettati e con convinzione».

«Più che voler stimolare delle riflessioni – ha dichiarato il rappresentante delle imprese portuali, Enzo Raugei – mi è sembrato che il sindaco abbia dato libero sfogo alla propria pulsione inquisitoria nei confronti dell’Authority. L’Ocean Shipping Consultants è tra le migliori società di consulenza al mondo e la sua analisi merita rispetto, credo sia dovere di tutti andare avanti con l’iter».

Dello stesso avviso anche il rappresentante dei lavoratori, Maurizio Strazzullo, che pur chiedendo all’Authority doverosi chiarimenti rispetto alle “perplessità” sollevate dal sindaco, ha auspicato che, nell’interesse di tutta la comunità, si vada avanti con la pubblicazione del bando di gara.

E a proposito di gara, il presidente dell’Apl, ha annunciato che stipulerà presto con l’Authority anti-Corruzione di Cantone una convezione sul controllo della trasparenza e della liceità di tutte le procedure che, durante la fase esecutiva, porteranno alla realizzazione della Piattaforma Europa.

«Trovo sia un’ottima idea – ha detto Rossi –  in questo modo ci mettiamo al riparo da sorprese che in corso d’opera potrebbero diventare esiziali».

Quanto allo studio della Osc, il presidente della Regione Toscana, ha dedicato un’ultima battuta ai fondali e alla ipotesi di approfondirli anche a -18: «Credo che la OSC faccia bene a richiamare l’attenzione sul fatto che il porto debba essere pensato per rispondere alle sfide del futuro prossimo – ha detto -, se portare i fondali a -18 ci costasse relativamente poco potremmo pensare di adeguare subito i progetti, andando oltre i -16 metri oggi preventivati».

 

 

Riproduzione riservata ©

28 commenti

 
  1. # leo3

    ma perche si svegliano solo ora a 15 giorni dall’elezioni

    —– certo che è sviluppo , ma lo era anche 1 o 2 anni fa

  2. # Stingary

    E ti pareva che a Nogarin non andava bene qualcosa fatto da altri….. Filippo un consiglio… lascia lavorare gli esperti e semmai scrivi al Papa… almeno non fai danni…

  3. # fabio_59

    Forse ti sei svegliato solo ora. E’ da tempo che si parla della piattaforma in questi termini.

  4. # Rossano

    Pisano Rossi, ci sono le elezioni eh!!! Ma quando te ne è mai fregato di Livorno?

  5. # ivo lami

    si può sapere quanto è costato lo studio della OSC, così per curiosità e poi magari se l’apl lo mette anche in rete ci facciamo anche noi un’idea del prodotto dell’intelletto

  6. # giacomo

    Avra’ lui condotto uno studio parallelo molto piu’ serio e a costo zero naturalmente… ora pero’ e’ in gioco il futuro di tutti… sarebbe l’ora di diventare adulti

  7. # ugo

    VOOREI FARTI NOTARE CHE IL SIG. ROSSI SI AFFACCIA LIVORNO SOLO ADESSO, PRIMA STAVA A DEBITA DISTANZA…..UN’IDEA CHE MI VIENE COSI..
    SECONDO TE COSA HA CONCESSO A RENZI PER NON FAR CANDIDARE LA BOSCHI?

  8. # Infiltrato

    la stima è di 500 mila euro!!!

  9. # ilbiondo

    ragazzi.. il fatto non è di destra , centro o di sinistra… ne di elezioni o quant’altro…
    a Livorno si mangia con il porto, quasi tutti…
    se un ci si mette al passo, ossia fondali a -18 e darsena europa, tra 10 anni siamo tutti a casa!!
    avete voglia di di!!!

  10. # marino

    Tutta questa improvvisa fretta mi sembra sospetta….

  11. # l'onesto curioso

    E’ il primo sindaco di Livorno che opera realmente nell’interesse della città . PIENA FIDUCIA NEL NOSTRO SINDACO

  12. # Daniele

    La fretta di rossi e’ quantomeno sospetta
    ovviamente il Sindaco Nogarin che è tanto bravo e tanto ganzo ha un piano per ricollocare senza perdere tempo i circa 1000 lavoratori che verranno cacciati se non si dovesse fare la darsena europa
    Attendiamo fiduciosi i nuovi posti di lavoro

  13. # fabio

    Nogarin parla di dubbia qualità. Sulla base di cosa? Della sua competenza di ingegnere? Ma andiamo! Né lui né nessun altro della sua amministrazione hanno competenze per progetti di questa portata. Pertanto affidi uno studio a un ente qualificato o stia zitto

  14. # al dolce

    tanto interesse per la città visto che dopo il suo intervento ha lasciato la riunione. Bravo.

  15. # Teseo

    Mi pare che le osservazioni del Sindaco siano inattaccabili. Chi le attacca, e con furioso sdegno, sembra difendere qualche interesse personale. Avete sentito? La OSC pagata fino a cinque volte di più per dire poco o… nothing (niente). Si ha l’impressione che dietro questa operazione faraonica a sentir loro, di ampliamento del porto di Livorno, ci sia un grande bluff che investe i poteri forti. Insomma, Livorno non diventerà affatto un grande porto, ma intanto circoleranno molti soldi. Con tutte le perplessità politiche che mi suscita Nogarin (mi sembra alquanto ossequiente verso i miti e riti del potere rosso appena defunto), devo dire che quando parla di gestione amministrativa e prospettive reali, non sbagli un colpo.

  16. # ivo lami

    mi pare che nessuno abbia dato il giusto peso al fatto che strazzullo si è allineato alle perplessità di nogarin ed ha a sua volta richiesto chiarimenti che è atteggiamento sicuramente più responsabile di chi invece prova fastidio per le (legittime) osservazioni oltretutto non avendo una particolare esperienza in cose di porti e fondali

  17. # ivo lami

    e perchè? l’esperienza chi ce la ha costalli l’infastidito? e poi è proprio quando non si ha esperienza specifica che si chiedono chiarimenti e delucidazioni a meno di non voler fare come si è fatto fino a pochi mesi fa a Livorno dove si prendevano acriticamente ordini dall’alto senza fiatare come bravi soldatini

  18. # Paolo

    Il sindaco ha pienamente ragione. Vi rendete conto di quanto e’ stata pagata una relazione? Livornesi, siamo alla canna del gas, e’ vero, ma sensibilizzatevi, aprite gli occhi. Vogliamo cominciare aarlare dello scandalo dei costi delle piscine, di chi c’e’ dentro, coinvolto fino alla cima dei capelli e del giro che hanno fatto i milioni di euro? La realta’ e’ una: il prosciutto Livorno e’ stato, in 70 anni, spolpato fino all’osso a vantaggio di pochi e di un partito. Dopo hanno cominciato a mangiare anche l’osso e, incuranti del fatto che i livornesi abbiano cacciato i forchettoni, vorrebbero continuare a mangiarselo. Un Bravo al Sindaco e’ ora di sparigliare le carte e far cessare l’abbuffata alla greppia.

  19. # Ermete

    Ma che dice?
    A parte la retorica del suo intervento, resta che secondo il suo ragionamento non si dovrebbe mai fare nulla, se fai qualcosa girano denari e quindi corruzione, quindi torniamo al medioevo e tutti fermi e zitti.
    Onestamente sembra che stiate gufando per questo porto, siete per la decrescita felice e torneremo a scaricare le navi con i gozzi, una meraviglia…..

  20. # fabio

    Il passaggio da opposizione ad amministrazione è un qualcosa che a Nogarin sfugge. Bene il porto, bene che circolino soldi

  21. # brunog

    la sabbia che deve essere eliminata per portare il pescaggio della darsena europa a meno 18 mt. è mare aperto, di conseguenza si tratta di materiale da spostare di 600/700 metri verso nord, aldilà della futura diga e non di dragaggi di materiale depositato in aree circoscritte da moltissimi anni e di conseguenza diversi e probabilmente inquinati. Si tratta solo di spostamento di materiale in ambiente uguale. Sindaco ai fatto bene a puntare i piedi sul pescaggio a 18 mt. con meno è arrangiamento e non superamento del problema

  22. # Raf

    Con tutti i suoi difetti Nogarin ha ragione, se non si fanno i fondali a -20 m subito (che vuol dire averli tra un paio d’anni) il piano del porto non ha senso.
    Inoltre tutta questa fretta nell’approvare il piano e guarda caso anche il cambio delle regole di gestione (che limitano molto rispetto a prima l’influenza del comune) sono sorte dopo il crollo del PD in città. Curioso vero?
    Infine negli ultimi anni la regione ha misteriosamente favorito Piombino, che quando i lavori attualmente finanziati avranno fine si ritroverà con fondali e infrasrutture cantieristiche migliori delle nostre e un collegamento austradale migliorato. Prevedo uno spostamento di operatori da livorno a Piombino nei prossimi anni. Ringraziamo gli amministratori del PD degli ultimi 20 anni

  23. # luigi

    Nogarin non sta facendo gli interessi di Livorno e dei Livornesi

  24. # pippo

    Ho paura invece che con questa operazione ci mangeranno in pochi e purtroppo già noti e tutta questa fretta mi conferma il sospetto.

  25. # ste

    Infatti lo studio non lo ha firmato Costalli.

  26. # Cecco Angiolieri

    Nogarin , ma a che gioco gioca? Al sindaco di governo e di opposizione? Ma si e mai visto?…è inconcepibile..Livorno non lo merita un sindaco così politicamente scisso tra il tutto e il contrario di tutto

  27. # rena

    concordo con raf piombino ha gia’ i fondali a -20 secondo voi dove andranno le aziende o le compagnie ? aspetteranno con pazienza che Livorno sia pronta o ci manderanno a quel paese

  28. # ROBERTO

    NON HO ANCORA CAPITO SE AL SINDACO DI LIVORNO STIA A CUORE IL BENE DELLA CITTA” OPPURE NON GLI INTERESSA MINIMAMENTE IL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI E DEI NOSTRI NIPOTI

I commenti sono chiusi.