Stipendi in ritardo, lavoratori cimiteriali in agitazione

Mediagallery

LIVORNO –  Uno striscione chiaro e ben esplicativo della situazione che stanno vivendo sulla loro pelle: “Lavoratori e lavoratrici cimiteriali in agitazione e senza stipendio”. E’ questo quanto è apparso ieri mattina, sabato 10 agosto, sul muro del Cimitero Comunale dei Lupi.
“I lavoratori cimiteriali dei Lupi e di Antignano sono pronti a mettere in atto tutte le misure necessarie per far sentire la loro voce ed esprimere  il proprio disagio rispetto a quello che sta accadendo – recita un volantino distribuito dagli stessi dipendenti fuori dalle mura del cimitero comunale – Nella giornata di giovedì 9 agosto, infatti, la cooperativa che gestisce l’appalto ha annunciato che ci saranno dei ritardi negli stipendi. E questo è solo l’ultimo episodio di una serie- specifica la nota sindacale che prosegue – La pazienza di fronte  a queste situazioni è terminata e nonostante questo i lavoratori e le lavoratrici hanno sempre dimostrato senso di responsabilità nello svolgere il proprio delicato e importante lavoro. Un senso di responsabilità che – sottolineano in coro i dipendenti – non vorremmo che fosse confuso con un silenzio e un immobilismo impotente”.
La protesta non si ferma e guarda anche al futuro. “Fra poco cambierà il gestore dell’appalto e probabilmente il Comune farà uscire un nuovo bando – specificano i lavoratori – Si è già sentito parlare di esuberi e di rivisitazione del contratto integrativo. Non vorremmo che qualcuno pensi che a pagare siano, come sempre, solo ed esclusivamente i lavoratori e il loro già magro stipendio che, senza il contratto integrativo, non arriverebbe a 1000 euro. Quella di oggi è soltanto un’azione dimostrativa – conclude la nota sindacale – destata dalla rabbia di lavorare non sapendo quando se e quando riscuotere. Ma per il futuro servono risposte certe e chiare”.

 

Riproduzione riservata ©