Traffico record di container

Mediagallery

Più 30% nei primi tre mesi dell’anno e 170 mila Teu, quasi 40 mila in più rispetto al primo trimestre dell’anno precedente. Il 2015 si preannuncia da record per il porto di Livorno. I dati sul traffico contenitori elaborati dall’Ufficio Studi e Analisi economiche dell’Autorità Portuale sono ancora parziali ma dimostrano che il porto continua a macinare risultati positivi nei traffici containerizzati.

Se nei mesi dell’ultimo trimestre del 2014 la movimentazione mensile dei contenitori dello scalo labronico era infatti risultata ben superiore alla media dell’anno (48.122 Teu), con volumi vicini ai 55 mila Teu, nel 2015 la crescita si sta consolidando con una media mensile del trimestre pari a 56.666 Teu. La rilevazione non è definitiva, e con il completamento dell’analisi statistica i dati saranno sicuramente rivisti al rialzo, ma dalla valutazione provvisoria emerge comunque un quadro molto chiaro: il traffico container si attesta per il momento a 54.291 Teu nel mese di gennaio (+30,4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), a 55.943 Teu nel mese di febbraio (+29,6%) e ad oltre 60.000 Teu nel mese di marzo (+31%).

Sul trend di crescita ha sicuramente inciso il nuovo impulso registrato dal traffico con gli Stati Uniti e il rinnovato interesse per la tratta transatantlica di molti importanti carrier, come ZIM, Hapag Lloyd, Msc, Uasc, e Cma CGm. In particolare, la compagnia di navigazione francese scala già Livorno con ben quattro servizi di linea regolari con l’America (Mediterranean Caribbean; Sirius; Amerigo Express e Florida Shuttle) e la prossima settimana ne annuncerà uno nuovo con il Messico e la costa del golfo degli Usa (Med Gulf).

«I dati provvisori del primo trimestre dimostrano che stiamo andando nella direzione giusta – è il commento a caldo del presidente della Port Authority, Giuliano Gallanti –, se mantenessimo questi ritmi, potremmo avvicinarci al nostro massimo storico registrato nel 2008, quando furono movimentati quasi 779 mila Teu. Bene così, andiamo avanti».

L’analisi del traffico contenitori del porto per singoli operatori evidenzia che alla crescita del settore hanno contribuito i due principali terminal contenitori del porto, Tdt e Lorenzini & C.: il primo ha conseguito un aumento trimestrale del 37,3%, con oltre il 20% di trasbordo; il secondo ha totalizzato 29.136 Teu, pari ad un incremento del 23,5% rispetto ai primi tre mesi del 2014. Se dovesse confermarsi lo stesso trend di crescita anche per i prossimi mesi, per quest’ultimo si tratterebbe di un ulteriore passo in avanti verso il raggiungimento di un nuovo record storico rispetto a quello conseguito l’anno precedente, quando movimentò 114.393 Teu.

Riproduzione riservata ©