Porto 2000, condannato l’ex direttore Bruno Crocchi. Maxi risarcimento e tre anni e dieci mesi di reclusione

Mediagallery

Tre anni e dieci mesi di reclusione e 501mila euro di risarcimento nei confronti della Porto di Livorno 20o0. E’ questa la condanna comminata a Bruno Crocchi, ex direttore della società. Una decisione, quella del collegio del tribunale di Livorno, più leggera rispetto alla richiesta del pm Massimo Mannucci (5 anni e 3 mesi). Crocchi, difeso dall’avvocato Vinicio Vannucci, ha comunque annunciato che ricorrerà in appello senza se e senza ma. L’ex direttore è stato comunque assolto dall’accusa di millantato credito, estorsione e alcuni peculati che gli erano stati accreditati.
La condanna è invece arrivata per le accuse di associazione a delinquere e per altri peculati relativi ai soldi finiti sui conti di Bruno Lenzi e Armando Totini. In sostanza, dunque, Crocchi, come ha sempre annunciato, non ha mai preso per sé un solo euro in tutta questa vicenda.

Riproduzione riservata ©