Il rimorchiatore Neri in porto con l’astronave

Mediagallery

Il rimorchiatore della Fratelli Neri “Nos Aries” è rientrato martedì 24 marzo in porto dopo la sua missione “spaziale”. Era partito infatti giorni fa, alla volta del Pacifico per riportare sulla terra ferma  la navicella spaziale suborbitale  della Esa “Ixv” (Intermediate Experimental Vehicle) costruita da Thales Alenia Space di Torino e recuperata appunto tra i flutti dell’Oceano Pacifico.
La navicella è stata dunque ripescata in mare dai livornesi dopo il suo ammaraggio. L’astronave “Ixv”  era stata lanciata lo scorso febbraio tramite il razzo Vega dalla base di Kourou, nella  Guyana francese. Lo scopo di questo volo spaziale era quello di testare tecnologie e sistemi per i futuri veicoli di rientro in atmosfera autonomi.
Il rimorchiatore livornese, dopo aver effettuato con successo il ripescaggio nel Pacifico, è ripartito con il suo carico per la base di lancio di Kourou, attraversando il canale di Panama. In quella sede il “Nos Aries” ha sbarcato i materiali e i tecnici dell’Esa che hanno supervisionato la missione. Quindi il rimorchiatore è rientrato alla base del gruppo Neri, come previsto, arrivando stamani nel porto di Livorno dove è attraccato al lato Nord del Molo Italia.

Riproduzione riservata ©