Frangerini vice presidente Ance Regionale

Mediagallery

L’Ance Toscana ha colto la sfida di questa crisi che sta colpendo drasticamente il settore dell’Edilizia. Con la nomina del nuovo presidente regionale Riccardo Spagnoli, è stato eletto nella squadra, nel ruolo di vicepresidenza con delega ai Lavori Pubblici l’attuale presidente di Ance Livorno, il Geom Stefano Frangerini. L’imprenditore, con i suoi 37 anni di attività, ha dato la sua disponibilità alla riconversione di questo settore per coniugare tradizione ed innovazione come il settore edile richiede . Alla guida dell’Associazione Ance di Livorno in qualità di presidente, Stefano Frangerini ha dato vita ad incontri per la riqualificazione urbana, cominciando dagli edifici pubblici.

Ha promosso presso gli Enti provinciali e regionali azioni di partenariato pubblico e privato attraverso forme di project financing e protocolli d’intesa per realizzare e accrescere la capacità di attrarre investimenti europei, nazionali e regionali, per lo sviluppo e la crescita del nostro territorio. Infatti il protocollo firmato quest’anno con l’Autorità Portuale di Livorno sta dando il via ad una sinergia di progetti nell’ambito dell’internazionalizzazione, dell’efficientamento energetico, della riqualificazione edilizia per l’uso razionale delle infrastrutture esistenti, del patrimonio del porto operativo e delle piattaforme logistiche ad esso funzionali e dell’ innovazione di processo per favorire l’uso di tecnologie a basso impatto ambientale per ridurne l’impatto antropogenico.

L’impegno del vice presidente regionale nell’ambito dei Lavori Pubblici sarà coniugato con l’interesse della categoria a promuovere nuovi metodi e prassi avanzate per il contracting in direzione di una sempre maggiore efficienza, trasparenza ed economicità.
All’interno di ANCE Livorno è nato infatti un progetto, accolto dalla presidenza e da tutta la giunta di Ance regionale, che ha lo scopo di sostenere la trasparenza e l’efficienza di una governance e delle best practies che attualmente sono il tallone d’Achille di tutti gli enti che non conoscono lo stato dell’arte del loro patrimonio pubblico, in buona parte da riqualificare. La medesima governance può esser applicata anche al privato, tenendo conto del fatto che più del 50% degli edifici residenziali ha oltre 40 anni e necessita di pesanti processi di riqualificazione.

Il settore dell’edilizia, dai dati ufficiali della Cassa edile di Livorno e provincia, ha visto perdere in soli 6 anni quasi il 50% delle aziende iscritte all’ente. Si è verificata una lenta e costante emorragia di posti di lavoro con oltre 3700 iscritti nel 2.007 e appena 2.100 al giorno d’oggi, ovvero una perdita di 1600 lavoratori!. La situazione è stata determinata da una paralisi finanziaria che ha colpito in primis il settore immobiliare e a cascata tutta l’edilizia pubblica e privata.

Il Vice presidente regionale Stefano Frangerini, fin dall’inizio del suo mandato provinciale, si è adoperato per avere un rapporto costruttivo e fattivo con l’amministrazione comunale scorsa cercando di avviare un rapporto di collaborazione, a sostegno e a rilancio dell’economia relativa al settore dell’edilizia nella città. Infatti lo studio del nuovo piano regolatore rappresenta una grande opportunità perché è proprio, attraverso lo studio e l’elaborazione del piano strutturale ed urbanistico, che possono essere create tutte le condizioni di sviluppo e di miglioramento della qualità edilizia e delle infrastrutture rendendo sempre più attrattiva la nostra città. Gli enti pubblici devono tenere in debita considerazione il supporto che offrono le aziende e le associazioni da esse rappresentate poiché portatrici di interessi sociali, professionalità e di cultura nel substrato cittadino, aziende che lottano con sacrificio per mantenere la propria identità con estrema dinamicità e solvibilità e questo poderoso grande impegno oggi non trova prospettive future se non si innescano rapporti sinergici tra pubblico e privato, nel rispetto dell’ambiente.

Stefano Frangerini si dice pronto a valutare un’opportunità reciproca di concreta collaborazione con gli Enti per offrire possibilità di lavoro alle imprese del territorio che nonostante le difficoltà stanno investendo per la loro formazione, crescita ed evoluzione. Questi sforzi vengono effettuati dalle aziende anche per i propri lavoratori che in molti casi stanno comunque e purtroppo uscendo seppur lentamente dal settore sempre più stretto dalla morsa della deflazione e della carenza di lavoro. Ed è proprio grazie alla sinergia tra la Scuola Edile Livornese ed Ance Livorno, in rete con altre realtà formative del settore, che si stanno studiando e attuando nuovi progetti formativi innovativi.

Continua il Presidente Frangerini, “Formare i giovani e favorire processi di formazione per le imprese sia nello start up sia per quelle già strutturate nel territorio, lo riteniamo un percorso obbligato per garantire competenze, professionalità e stabilizzazione dei posti di lavoro. Il mercato sta cambiando con una ferocia direi inaudita per la nostra classe imprenditoriale, sia nei contenuti tecnologici che nel modello organizzativo del sistema impresa. Infatti il mercato, sempre più erudito, richiede più conoscenza, più innovazione, più integrazione di processo e di tecnologia per soddisfare i bisogni sociali e abitativi nei cambiamenti di stili di vita rimodulati nello spazio, nel tempo e nell’ambiente, percepiti sempre più come valori qualitativi principali”.

Desideriamo scuotere tutti gli attori pubblici e privati affinché si assumano responsabilmente il loro ruolo primario volto al rilancio della economia di una città “ferma” ormai da troppo tempo.

Riproduzione riservata ©