Nuovi “20 euro”, scuole a lezione dalla Banca d’Italia

Queste nuove banconote sono facili da verificare applicando il metodo "Toccare,Guardare, Muovere"

Mediagallery

di Matteo Capirola

La Banca centrale europea e le banche centrali dei paesi dell’area dell’euro (Eurosistema) inizieranno a immettere in circolazione la nuova banconota da 20 euro a partire dal 25 novembre 2015. La Banca d’Italia ha invitato insegnanti e studenti nella Filiale di Livorno in piazza del Municipio – dal Lunedì al venerdì, con orario 9,00-13,00 – per illustrare le caratteristiche delle nuove banconote.

Le novità – Queste nuove banconote sono facili da verificare applicando il metodo “Toccare,Guardare, Muovere”.
1)Toccare: la carta è caratterizzata da una particolare sonorità e consistenza. Lungo i margini destro e sinistro della banconota è stampata una serie di trattini in rilievo. Anche sfiorando l’immagine principale, le iscrizioni e la cifra di grandi dimensioni indicante il valore si percepisce un effetto di maggior spessore.
2)Guardare: guardando una banconota in controluce si possono scorgere il ritratto di Europa, la cifra del valore e una finestra.
3)Muovere: la cifra brillante produce l’effetto di una luce che si sposta in senso verticale. il numero inoltre cambia colore, passando dal verde smeraldo al blu scuro.

Perché sono necessarie nuove banconote – E’ molto importante che le caratteristiche di sicurezza delle banconote siano aggiornate e perfezionate regolarmente, al fine di renderne più difficile la falsificazione. Il nuovo biglietto da 20 Euro integra un’innovativa “finestra con ritratto”, visibile in controluce su entrambi i lati della banconota. Il ritratto riprodotto nella nuova serie rappresenta Europa, figura della mitologia greca che ha dato il nome al nostro continente.

Riproduzione riservata ©