De Tomaso, Enrico Rossi e Sergio Chiamparino chiedono un incontro urgente a ministri

Mediagallery

I problemi dei lavoratori degli stabilimenti di Collesalvetti e Grugliasco (Torino) dell’azienda De Tomaso, attualmente in procedura fallimentare, sono al centro della lettera che il presidente della Regione Enrico Rossi e il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino hanno inviato ai ministri del Lavoro Giuliano Poletti e allo sviluppo economico Federica Guidi. I due presidenti, dopo aver fatto il punto della situazione così come emersa dall’ultimo incontro del tavolo di c risi svoltosi a Torino (con istituzioni locali, oltre la Regione Piemonte la Provincia di Torino e il Comune di Grugliasco, Procedura fallimentare, organizzazioni sindacali piemontesi, nazionali e toscane) hanno invitato i ministri ad aprire con urgenza un confronto.

“Riteniamo necessario – si legge nella lettera a doppia firma – un confronto e un coordinamento di tutti gli attori interessati alla miglior soluzione di una vicenda che, per i numeri interessati e per la sua complessità, assume certamente un rilievo nazionale; chiediamo perciò al Governo la convocazione urgente, per i prossimi giorni, di un incontro a livello ministeriale”.

Rossi e Chiamparino ricordano ai ministri i numerosi problemi ancora aperti. Fra questi, la cassa integrazione in deroga richiesta per il periodo maggio settembre ma non ancora autorizzata; la mancata concretizzazione di manifestazioni di interesse per l’acquisizione dell’azienda e il rischio concreto di messa in mobilità degli 822 lavoratori di Grugliasco e dei 128 di Collesalvetti a partire dal 5 settembre.

“Il combinato disposto della situazione di incertezza economica degli ultimi mesi e della prospettiva del licenziamento – scrivono Rossi e Chiamparino – rende la situazione particolarmente preoccupante sul piano sociale”. I presidenti di Toscana e Piemonte informano inoltre i ministri che sono partiti, sia a Torino che a Livorno, percorsi di riqualificazione e ricollocazione dei lavoratori, finanziati con risorse regionali e del fondo europeo FEG, che proseguiranno fino a fine anno.

Per quanto riguarda in particolare la Toscana, si fa presente la particolare situazione dei lavoratori del sito livornese, per i quali, a causa delle vicende intercorse nel passaggio dalla Delphi alla De Tomaso, era incerta fino a pochi giorni fa la possibilità di beneficiare, in caso di licenziamento, della mobilità indennizzata. Incertezza poi sciolta dal ministero del Lavoro sulla base delle pressanti richieste della Regione Toscana e delle verifiche degli ispettori ministeriali.

Riproduzione riservata ©