Accademia, protesta dei lavoratori: “Puliamo per 150 euro al mese”

Mediagallery

Protesta delle lavoratrici dell’azienda che ha in appalto le pulizie in Accademia per una riduzione, da giugno, delle ore di lavoro da 14 a 8 settimanali (come di consueto potete trovare la fotogallery di Simone Lanari nel link in fondo all’articolo). La Co.Lo.Coop, da parte sua, spiega che questa decisione è legata ai tagli della Difesa alla spesa pubblica. Fatto sta che anche nel weekend appena trascorso i 38 dipendenti (per la maggior parte donne), assunti con contratti part-time a tempo indeterminato, hanno manifestato con volantini e striscioni tutta la loro rabbia per questa scelta: “Così si lede la dignità di ognuno di noi. Come è possibile vivere, se passeremo a 8 ore settimanali, con uno stipendio di 150 euro al mese considerando per  di più che viviamo in famiglie monoreddito? Non possiamo accettare di subire un ridimensionamento del nostro stipendio, già basso. Alla fine sono sempre i più deboli a pagare”. Presenti alla manifestazione tutte e tre le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil, i cui rappresentanti dicono che si batteranno affinché “siano garantiti livello occupazionale e monte orario nel rispetto dell’articolo 36 della Costituzione”.

Riproduzione riservata ©