Ruggeri consegna il suo programma. Clicca, scaricalo e consultalo

“Se vogliamo riprenderci il futuro bisogna incominciare a proporre delle soluzioni, insieme ad una consapevolezza, rispettosa della tradizione, ma ferma: una storia si chiude, ne dobbiamo scrivere un’altra"

Mediagallery

“Se vogliamo riprenderci il futuro bisogna incominciare a proporre delle soluzioni, insieme ad una consapevolezza, rispettosa della tradizione, ma ferma: una storia si chiude, ne dobbiamo scrivere un’altra, con la responsabilità di cambiare, ma anche con la tenacia di non fermarsi troppo a guardare in faccia nessuno. Tocca alla mia generazione, quella dei quarantenni, mettersi in gioco. Sono convinto che ce la possiamo fare”.  A scriverlo è Marco Ruggeri, candidato sindaco di Livorno per la coalizione di centrosinistra, nella parte introduttiva al suo programma, ieri depositato in Comune e ora pubblicato online alla pagina http://www.marcoruggeri.net/programma/ oppure scaricabile con un click grazie al link al pdf che troverete in fondo a questo articolo
“In questo programma affrontiamo a tutto tondo le grandi questioni che riguardano la città, proponendo soluzioni per rilanciare il suo sviluppo. – spiega Ruggeri – So bene che non c’è tutto, molto emergerà nella campagna elettorale, la scelta è stata di definire un obiettivo prioritario, appunto rilanciare lo sviluppo della città, facendo poi alcuni approfondimenti”.
Dopo la parte introduttiva “Livorno punto e a capo”, in cui il candidato spiega i suoi obiettivi, il senso del suo slogan e le sue idee per lo sviluppo e per il lavoro, questione prioritaria per Livorno, ci sono schede di approfondimento su vari temi: il “Punto su una nuova idea della città”, il “Punto su una pianificazione comune tra Livorno e Collesalvetti”, il “Punto sull’ambiente, l’energia e i rifiuti”, il “Punto su welfare e sanità”, il “Punto su istruzione e formazione”, il “Punto sulla mobilità, sul City Logistic e sulla Smart City”, il “Punto sull’amministrazione più vicina ai cittadini”, il “Punto sul commercio”, il “Punto sullo sport” e il “Punto sulle frazioni”.

Riproduzione riservata ©