Nogarin: “Non possiamo essere ostaggi di Aamps”

Il sindaco: "Siamo stufi di vivere ostaggio di un dibattito che non riesce ad andare oltre all'aggressione e le offese. Livorno si merita di andare avanti"

Mediagallery

Scatta dalla mattina di venerdì 18 marzo lo sciopero di 24 ore dei dipendenti Aamps che si recheranno per una protesta vibrante in Comune a partire dalle 9. “Scioperiamo – ha detto Giovanni Golino della funzione pubblica Cgil di Livorno – perché chiediamo un confronto costruttivo sul piano industriale che ad oggi non c’è stato ancora concesso”. L’azienda, secondo quanto racconta il sindacalista, “si è limitata a proporre tagli ai salari, ma noi siamo disponibili al confronto all’interno di un piano di efficientemente generale. L’altra cosa che chiediamo – ha aggiunto – è che le risorse già stanziate per Aamps nel bilancio comunale rimangano all’azienda per consentire al Cda di concludere positivamente le trattative con i creditori”.
Dall’altra parte della barricata c’è il sindaco Nogarin che sbotta contro l’impossibilità di mandare avanti le questioni della sua città a causa di Aamps. “Non voglio parlare più di Aamps – ha detto il primo cittadino – La città non è solo Aamps. La decisione su Aamps è stata presa, sviscerata e dibattuta. Sono quattro mesi che il consiglio comunale è in ostaggio di Aamps e io credo che questa città meriti di andare avanti e pensare a tante altre questioni da affrontare. Si era detto che il concordato non si poteva fare, poi  è stato approvato. Veramente basta. Abbiamo salvato 33 posti di lavoro dei precari, abbiamo intrapreso l’unica strada consentita per salvare l’azienda. E’ inutile continuare questa politica del massacro e del terrore. Noi siamo dalla parte dei lavoratori e dalla parte dei cittadini e dobbiamo trovare un punto di equilibrio. Non ci saranno licenziamenti, come detto altre volte, il rapporto tra sindacato e azienda deve rimanere in quel contesto. Siamo stufi di vivere ostaggio di un dibattito che non riesce ad andare oltre all’aggressione e le offese”.

Riproduzione riservata ©