Mussolini in città, caos e via blindata. “Cori? Allora la sinistra esiste ancora”

Solito siparietto del sensitivo Solange che si è intrattenuto con la parlamentare davanti all'ingresso del comitato elettorale

Mediagallery

Cori e striscioni contro la senatrice Alessandra Mussolini, candidata alle europee con Forza Italia, in visita ieri pomeriggio, 15 maggio, in via Marradi al comitato elettorale di Elisa Amato Nicosia, candidata alle amministrative per Fi. “Ora come allora Mussolini a testa in giù”. E’ questo quanto hanno cantato una ventina di manifestanti contenuti da un lungo cordone di agenti delle forze dell’ordine che di fatto hanno blindato, per motivi di sicurezza, il centro città chiuso anche al traffico per l’occasione. Lei, a testa alta, ha risposto: “Allora la sinistra esiste sempre. Siete proprio una roccaforte qua, mi piace vedere che Renzi non ha narcotizzato il cervello a tutti”. Poi, sulla sua candidatura alle europee ha aggiunto: “Berlusconi mi ha chiamata alle dieci di sera dicendomi di candidarmi nell’Italia centrale e io ho accettato”. Elisa Amato nell’accoglierla ha detto: “Questa è una città deculturalizzata e questi ragazzi sono la prova che la città ha bisogno di un cambiamento”.
Fortunatamente non si è registrato alcun incidente. Da segnalare l’ormai solito siparietto del sensitivo Solange sopraggiunto per salutare e leggere la mano alla politica. Lo stesso aveva fatto la sua comparsa anche in occasione della visita del ministro Boschi all’Ipercoop e prima ancora con la Meloni all’Hotel Palazzo.

Riproduzione riservata ©