M5S, al Grattacielo docu-film sulla crisi

Mediagallery

L’8 febbraio al Teatro Il Grattacielo, in via del Platano 6, M5 S organizza una iniziativa sulla crisi greca (e la nostra) spiegata in un documentario:  “Il più grande successo dell’euro”.

L’intervento del Meet up Storico Movimento 5 Stelle Livorno – Tutti a scuola abbiamo studiato Archimede e Newton; ma anche se oggi pochissime persone ne ricordano gli enunciati nessuno, comunque, si getterebbe in mare con ai piedi dei pattini a rotelle: i princìpi teorici, infatti, coincidono con l’esperienza pratica. Ora, immaginiamo di essere un gruppo di delfini che nuotano liberi e leggeri in mare aperto; improvvisamente un accidente imprevisto stravolge la nostra volontà e ci spinge sulla battigia dove una forza tremenda ci schiaccia pancia a terra. I Paesi dell’Europa meridionale sono come quei delfini, schiacciati da forze governate da leggi che ignorano, mentre chi ben le conosce sta banchettando con le loro carcasse immobilizzate. Questo film inchiesta su quanto accade in Grecia (il più malmesso di quei delfini) darà l’idea di quali forze e leggi economiche la stanno spolpando. Al temine della proiezione del documentario, Luigi Pecchioli e Antonino Galloni aiuteranno a comprendere, attraverso chiavi di lettura diverse da quelle propinate quotidianamente dai media mainstream, i meccanismi che hanno portato all’attuale disastro e la necessità di un rapido cambio di rotta delle politiche economiche al fine di salvaguardare i princìpi fondamentali della nostra Costituzione. Al termine seguirà il dibattito. A definire la crisi economica della Grecia “il grande successo dell’euro” è stato Mario Monti, in una trasmissione televisiva del 2011. Il film presentato dal Movimento 5 stelle di Livorno al cinema ‘ La Meta ‘ riprende nel titolo l’affermazione montiana, che agli autori appare decisamente contraddittoria, e cerca di venirne a capo. Nelle immagini da Atene, la gente angosciata racconta del crollo sotto i livelli minimi di benessere che ha colpito milioni di persone. Testimonianze che si intrecciano alla lettura della crisi fornita da studiosi come Alberto Bagnai, Vladimiro Giacché e dal greco Panagiotis Grigoriou. All’ombra dell’euro – spiegano – sono cresciuti grandi squilibri che hanno colpito gli stati più deboli: i dati parlano chiaro e persino fonti della Banca Centrale Europea, citate nel documentario, lo ammettono. Uno scenario che rischia di estendersi all’Italia, secondo le voci recenti che invocano da noi l’intervento della “troika”, un nome sinistro per i greci, trattandosi del consesso di Fondo Monetario, Bce e Unione Europea che gli ha imposto un’austerità che ha peggiorato la situazione. E tra i responsabili di piani a dir poco disastrosi, nel documentario spunta il nome di Juncker, fino a poco tempo fa ignoto ai più e oggi Presidente della Commissione Europea. L’economista Alberto Bagnai per primo in Italia è riuscito a divulgare al grande pubblico le critiche alla moneta unica e proprio da un gruppo di lettori del suo blog nasce l’idea del documentario.
I costi vivi di realizzazione sono stati coperti da una raccolta fondi online, un vero network dal basso che ha permesso un approfondimento informativo finora carente sui grandi media. E l’obiettivo sembra raggiunto, perché dopo le prime proiezioni il pubblico esce piuttosto convinto dalla tesi del film o quantomeno interessato ad approfondire se, come avverte Giacché, “quasi tutto ciò che ci è stato raccontato a riguardo, non corrisponde a verità “. I due relatori del dibattito saranno:

LUIGI PECCHIOLI: Avvocato in Perugia. Socio fondatore e membro del comitato scientifico dell’associazione Riscossa Italiana, studia i problemi economici e giuridici dell’euro da due anni e da luglio 2013 ha fondato insieme ad altri il blog di divulgazione economica e giuridica Democrazia e Sovranità, che cerca di sfatare con semplicità e rigore i miti e le falsità che l’informazione televisiva e giornalistica ci propone riguardo alle cause della crisi economica ed ai problemi di una eventuale uscita dalla moneta unica. Come membro del gruppo I 101 Dalmata ha collaborato alla realizzazione del documentario “Il più grande successo dell’euro.

ANTONINO GALLONI: Dottore in giurisprudenza, ECONOMISTA. Funzionario di ruolo al Ministero del Bilancio dal 1979; dirigente industriale dal 1986 al 1989; direttore generale al ministero del Lavoro dal 1990;attualmente sindaco effettivo dell’INPS. Ricercatore e docente presso le Università di Berkeley, Roma, Milano, Napoli, Modena e Cassino ha scritto decine di libri e centinaia di articoli di macroeconomia.

Riproduzione riservata ©