L’Idv si presenta ai nastri di partenza. Ecco i 32 candidati in consiglio: i nomi

Mediagallery

di Dario Fantozzi

Presentata oggi la lista di candidati per l’elezioni al consiglio comunale di Livorno e di Collesalvetti per l’Italia dei valori presso la sede provinciale del partito in via Pietro Coccoluto Ferrigni. Tra tutti spicca il nome di David Grassi l’ex ufficiale della Marina che si rifiutò di inquinare il mare. “Ho deciso di impegnarmi politicamente – specifica Grassi -perché non sempre bastano le nostre scelte quotidiane per manifestare le nostre idee del mondo e del futuro”. L’ex ufficiale si rifiutò di ubbidire all’ordine di un superiore e di verersare in mare migliaia di litri di liquidi oleosi, provenienti dal motore. Era imbarcato sulla nave da guerra Maestrale, al tempo, era il 23 Febbraio 2002, impegnata nella missione Eduring Freedom nel corno d’Africa: quel “signor no” gli causò quindici giorni di arresto e una macchia che ne avrebbe pregiudicato la carriera fino al congedo. “E’ un onore e un piacere poter presentare David Grassi nella nostra lista – spiega Andrea Romano coordinatore provinciale Idv –  noi l’avevamo proposto come candidato sindaco per tutto il centro sinistra, è un esempio vivente che ricalca perfettamente i nostri ideali di legalità”.
32 i candidati per il Comune di Livorno e 13 per il comune di Collesalvetti, di cui uno su tre sono donne per quanto riguarda la lista di Livorno, mentre a Collesalvetti le donne arrivano ad essere più della metà. “Un candidato su tre è indipendente, ovvero, non è un attivista di partito – sottolinea Andrea Romano – abbiamo fatto questa scelta come già nel 2009 perché riteniamo necessaria la partecipazione della società civile all’amministrazione della città”.
“La società civile è rappresentata a 360°  – continua Romano – ci sono candidati che provengono dal mondo delle professioni come l’ingegnere Papini (del KiteGen ndr) , pensionati come Paolo Cascinelli animatore del comitato vivere in centro, ma anche operai come Robero Ulivieri e Mirko Ceccherini”.
Sono tre i punti principali del programma gli elenca il coordinatore provinciale: “un piano per una mobilità sostenibile, creare un ufficio per le politiche comunitarie in grado di sviluppare progetti capaci di attrarre una parte dei 32 miliardi di euro che la comunità europea ha destinato all’Italia, la difesa delle politiche di genere”.   “Vogliamo portare a termine il progetto della raccolta differenziata porta a porta – conclude Romano -, che nonostante le innumerevoli opposizioni, siamo riusciti a far partire”.

Ecco la lista dei candidati (tra parentesi la professione di ogni esponente e fuori dalla parentesi l’anno di nascita)

1)Andrea Romano (funzionario amministrativo e segretario Idv) 1976

2) Elena Salvestrini (consulente Vodafone) 1970

3) Irene Nicotra (responsabile ufficio mobilità e Tpl Provincia) 1966

4) Andrea Papini (ingegnere) 1978

5) David Grassi (ministero della Difesa) 1972

6) Massimo Schirru (infermiere) 1952

7) Cristina Pasquini (medico) 1962

8) Gian Carlo Spinelli (pensionato) 1937

9) Massimo Franceschi (dipendente Ctt) 1957

10) Paolo Cascinelli (pensionato) 1945

11) Claudio Mecarelli (dipendente Asl 6) 1963

12) Roberto Ulivieri (operaio) 1972

13) Alida Isolani (tecnico Scuola Normale) 1976

14) Sabrina Bernini (operaia) 1974

15) Alice Pelagatti (dottoressa in  laurea Magistrale in Biosicurezza e qualità degli alimenti) 1983

16) Federico Doretti (centro studi Camera di Commercio) 1972

17) Eugenio Carmelo Moschella (geometra) 1964

18) Monica Vignola (architetto) 1969

19) Fabrizio Schembri (disoccupato) 1990

20) Ernani Iezzi (imprenditore) 1949

21) Pierluigi Bizzi (pensionato) 1928

22) Giancarlo Fontana (pensionato) 1932

23) Paolo Tognetti (pensionato) 1947

24) Noemi Conti (studentessa) 1991

25) Diego Dentone (operaio) 1970

26) Daniele Barbieri (operaio) 1970

27) Davide Nosiglia (operaio) 1974

28) Mirko Ceccherini (operaio) 1973

29) Domenica Quattrocchi (pensionata) 1949

30) Giuliana Gerbi (casalinga) 1941

31) Giovanna Panichi (casalinga)1931

32) Giuliano Paoletti (pensionato)1942

 

Riproduzione riservata ©