Le cifre della campagna elettorale. M5s? 1.640 euro

Mediagallery

Dagli oltre 51 mila euro del Pd ai 1.640 del M5s. Sono stati pubblicati sul sito del Comune (guarda qui) i bilanci preventivi di spesa per la campagna elettorale da parte delle varie forze politiche. Le spese effettive, come previsto dalla legge, dovranno essere rese note entro tre mesi dalla proclamazione del nuovo sindaco.
Dando una occhiata ai documenti si scopre che Nogarin tra manifesti, spese energetiche e merchandising ha speso appena 1.640 euro. Il Pd, principale sfidante, ne ha spesi 51.775. Buongiorno Livorno, la lista di Andrea Raspanti, non ha superato i 2 mila euro. Per Cannito la spesa messa a preventivo è stata di circa 10 mila euro.
E nel centro destra? Supera i 20 mila euro anche il bilancio preventivo di spesa della lista Fratelli d’Italia-An, Udc e Lega che ha sostenuto la candidatura a sindaco di Marcella Amadio. Mentre sfiora i 20 mila euro anche il bilancio preventivo di spesa elettorale di Forza Italia che ha candidato l’ex provveditore Elisa Nicosia. Per tutte le altre è possibile cliccare nel link in cima all’articolo.

Riproduzione riservata ©