Buongiorno Livorno, l’appoggio alle elezioni è lontano: “Sindaco, dov’è la rivoluzione promessa?”

Mediagallery

di Filippo Ciapini

Diamo tempo al tempo, ma nel frattempo? Mancata “rivoluzione”, “disorientamento politico” e “assenza di temi forti” annunciati in campagna elettorale.
Sono queste le principali critiche di #BuongiornoLivorno espresse in una conferenza stampa da Stefano Romboli, presidente di Buongiorno Livorno, insieme ai consiglieri Andrea Raspanti e Marco Bruciati, riguardo al programma presentata dalla giunta Nogarin. “Nelle linee programmatiche troviamo intenzioni e parole d’ordine che, seppur condivisibili in termini generali, non sono espresse in maniera adeguata. Inoltre si tralascia elementi sui quali era stata fondata la campagna elettorale M5s come l’inceneritore, il piano di emergenza abitativa, le varie politiche del Welfare, mobilità, sociale. Per l’ospedale non è presente alcuna ipotesi di riqualificazione. Ciò che risulta è un documento generico e deludente. Sembra di leggere un documento scritto da Cosimi”.
Romboli vuole far capire che queste non sono critiche fatte per affossare il M5S, anzi BL conferma l’appoggio dato al ballottaggio ai grillini, ma bensì sono critiche di orientamento per i prossimi mesi, tanto che sul sito di Buongiorno Livorno è stato pubblicato un documento con le osservazioni arrivate dai gruppi di lavoro interni (con il contributo di Sinistra unita per il Lavoro). “Pur apprezzando determinati punti del documento – ribadisce il consigliere comunale Andrea Raspanti – è evidente che potrebbero essere esportati a qualsiasi altra realtà. Livorno ha bisogno di soluzioni politiche coraggiose e di respiro. Ma prima ancora ha bisogno del coraggio di guardare in faccia la realtà. Se vogliono fare la rivoluzione, che la facciano perché noi non l’abbiamo ancora vista. Sono spaventato dall’attuale disorientamento politico”.
Infine: “Smettiamo di usare a caso la parola partecipazione – affermano Bruciati e Raspanti – se il Movimento è partecipativo al suo interno a noi non interessa. La vera partecipazione si avrà quando sarà estesa alla città”.

Riproduzione riservata ©